Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no al licenziamento del dipendente che 'odia' l'azienda se non danneggia il datore

licenziamento licenziato lavoro disoccupato
Con la sentenza 16643 del 15 novembre 2012, la Cassazione ha affermato che è da ritenersi illegittimo il licenziamento del dipendente che, nonostante l'odio per l'azienda, non danneggia il datore. Per la sezione lavoro della Suprema corte, anche se l'animosità fosse provata di per sé essa non giustificherebbe il recesso del datore, laddove l'odio per il contesto lavorativo non si traduce in condotte oggettive, che non risultano dimostrate.

Piazza Cavour concorda anche con la decisione di non disporre una perizia medica chiesta dall'azienda sul profilo psicologico del dipendente per accertare come l'inimicizia nutrita dal lavoratore nei confronti del datore determini effetti anche nelle prestazioni imposte dal contratto, in quanto la condotta del lavoratore deve essere valutata nel suo contenuto oggettivo e non contano i profili squisitamente interiori del dipendente, che è libero di coltivare i sentimenti che crede, anche quando emergono da un atto giudiziario.

Pertanto, al lavoratore va comunque riconosciuto il diritto di critica e la valutazione della Corte di merito secondo cui «le affermazioni del dipendente non vanno oltre il consentito non è censurabile in sede di legittimità se ben motivata. D'altronde, ai fini del recesso del datore, conta solo dimostrare che l'odio contro il datore si traduca in comportamenti concreti, senza che rilevino gli aspetti interiori».

Dunque, per il Palazzaccio il recesso è escluso per l'animosità che non sfocia in condotte oggettive e il “no” della Ctu è lecito perché irrilevante il profilo psicologico del dipendente.
Vai al testo della sentenza 16643/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/12/2012 - Alba Mancini)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF