Sei in: Home » Articoli

Cassazione: per usucapire una servitù si può unire il proprio possesso a quello del dante causa anche se non indicato nell'atto di compravendita

Cassazione
Con sentenza n. 18909/2012 la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di servitù di passaggio e sui  modi per acquisirla per usucapione. La vicenda processuale ha avuto inizio nel 1997 quando la società O., proprietaria di alcuni terreni trasformati in complesso residenziale, citava in giudizio la società R.M., titolare di un'area su cui sorge un campeggio.
Il motivo del contendere era il fatto che gli ospiti del camping, per raggiungere il mare, transitavano su una stradina che attraversava il fondo di O., ma R.M. aveva chiarito che il passaggio in questione si trovasse invece sulla sua proprietà e che in ogni caso ne aveva ottenuto la proprietà per intervenuta usucapione.

Il giudice di primo grado aveva accolto questa tesi riconoscendo che nella specie fosse intervenuta l'acquisizione della proprietà dello stradello per usucapione.

In appello però la sentenza veniva ribaltata e si stabiliva che il passaggio pedonale dovesse considerarsi di proprietà di O. Non poteva essere maturata l'usucapione da parte di R.M. in quanto non erano trascorsi venti anni da quando utilizzava il passaggio, poiché il camping era nato solo nel 1990 e inoltre l'uso non era fatto specificatamente dalla società, ma bensì da persone indeterminate.

La società R.M. ha allora si è rivolta alla Corte di Cassazione che accogliendo alcuni dei motivi addotti ha fatto notare come il giudice dell'appello fosse incorsa in errore ed ha ricordato che in base a quanto dispone il secondo comma dell'articolo 1146 del codice civile, la R.M. può unire al suo periodo di possesso della stradina anche quello dei suoi danti causa (ossia coloro che gli hanno venduto il fondo) e raggiungere così il periodo necessario per maturare l'usucapione. A tal fine poco importa che la servitù di passaggio non sia indicata nell'atto di trasferimento della proprietà.
Vai al testo della sentenza 18909/2012
(05/12/2012 - A.V.)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Divorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altroDivorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altro
Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema CorteCome si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF