Sei in: Home » Articoli

TAR LAZIO - Illegittimo TRASFERIMENTO del Comandante della Compagnia CARABINIERI

sentenza bilancia giudice avvocato cassazione martello
Puntata n. 18 dei nostri incontri di prossimità con il diritto amministrativo presi per mano, nelle tortuosità dei Tar, dal nostro ...Virgilio alias Prof. Avv. Ciro Centore che stavolta si occupa di trasferimento d'autorità illegittimo di un comandante dei Carabinieri; buona lettura!
TAR / Illegittimo il trasferimento di “Autorità” del Comandante della Sezione di Vigilanza della Banca d'Italia. Il Tribunale Amministrativo per il Lazio (Pres. Silvestri, Rel. Landi, Cons. Luttazi) con una sentenza in forma semplificata, ex art. 60 del nuovo codice di procedura amministrativa, ha annullato il “trasferimento di Autorità” del Comandante della III Sezione di Vigilanza, con alloggio di servizio, della Compagnia Carabinieri Banca d'Italia di Roma.
Il fatto. Il Comando dei Carabinieri aveva disposto il trasferimento del detto Ufficiale ad altra Sezione di Vigilanza senza alloggio di servizio, con un provvedimento / movimento che era stato contestato dall'interessato, innanzi al Tribunale Amministrativo, per violazione di legge ed eccesso di potere, sotto vari profili. E la contestazione, sia nel ricorso originario e sia, successivamente, con i motivi aggiunti sopravvenuti al deposito della documentazione, da parte dell'Amministrazione convenuta (Ministero della Difesa) trovava accoglimento da parte del TAR. In particolar modo i Giudici amministrativi hanno sottolineato che anche il trasferimento di Autorità va congruamente “motivato”.
E, nel caso specifico, l'Amministrazione non aveva esternato le necessarie valutazioni in ordine “alle esigenze di servizio”, sottostanti al disposto trasferimento e, in ogni caso, non aveva tenuto conto dei positivi precedenti disciplinari e di servizio, del ricorrente, visto che nell'arco della carriera dello stesso, il ricorrente poteva vantare una valutazione caratteristica di “eccellente” che contrastava con le critiche considerazioni contenute nella nota impugnata e contestata. Di qui l'annullamento del trasferimento, sia pure, come dice il TAR, ai “limitati fini” di ordinare all'Amministrazione intimata di procedere ad un “motivato riesame” della posizione del ricorrente in ordine “alle ragioni” che debbono supportare “un legittimo” provvedimento di trasferimento. Autore: Prof. Avv. Ciro Centore.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/11/2012 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF