Sei in: Home » Articoli

Crocifisso, Anm: ''Inammissibile interferenza da Castelli''

E' ''impropria'' la decisione del ministro della Giustizia, Roberto Castelli, di inviare gli ispettori ministeriali al Tribunale de L'Aquila dopo la sentenza che obbliga a rimuovere il crocifisso dalla scuola di Ofena. La denuncia arriva dalla giunta dell'Associazione nazionale magistrati, che in una nota contesta l'intervento del Guardasigilli nei confronti del provvedimento emanato la scorsa settimana dal giudice monocratico del capoluogo abruzzese. ''La questione di diritto affrontata dal Tribunale de L'Aquila, in un provvedimento che peraltro ha il carattere di provvisorieta' ed e' soggetto ai normali mezzi di impugnazione, si inserisce in un dibattito aperto nella dottrina e nella giurisprudenza'', sottolineano i vertici dell'Anm. ''In questa situazione -aggiunge la giunta del 'sindacato delle toghe'- l'iniziativa della ispezione ministeriale e' del tutto impropria, non potendo risolversi in altro che nella acquisizione del provvedimento giudiziario. Per l'annuncio con grande enfasi sulla stampa, l'azione del ministro in questo campo rischia ancora una volta -denuncia l'Anm- di porsi quale non ammissibile interferenza sulla giurisdizione''. Sulla vicenda del crocifisso di Ofena e' intervenuto oggi anche il vicepresidente del Consiglio, Gianfranco Fini, che ha definito ''sconcertante'' la decisione del giudice de L'Aquila.
Rispondendo durante il question time alla Camera ad una interrogazione del deputato forzista, Antonio Leone, il vicepremier ha citato le ultime dichiarazioni del capo dello Stato ed ha affermato: ''Togliere il crocefisso dalla nostre aule scolastiche costituisce, ad avviso del governo, una palese assurdita''. ''Desta particolare sconcerto l'ordinanza del giudice de L'Aquila'', ribadisce Fini che avverte: ''E' giunto ad una inquietante conclusione, una decisione'' che complica il processo di integrazione degli immigrati. Il leader di An ricorda le parole pronunciate su questo argomento del presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi: ''Sono parole che il governo fa proprie. Ciampi ha ricordato come Croce, uno dei piu' grandi filosofi e pensatori laici, abbia chiarito in un memorabile saggio i motivi per cui non possiamo non dirci cristiani. Il presidente della Repubblica ha inoltre sottolineato che il crocifisso e' il simbolo della nostra identita'''. ''Si tratta di un provvedimento avventato -sottolinea Fini- che va in controtendenza rispetto all'orientamento in materia della giurisprudenza e della dottrina.
Rischia di ingenerare un fenomeno di rigetto verso l'integrazione dei cittadini extracomunitari''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/10/2003 - Adnkronos)
Le pių lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre pių bassi, č allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF