Sei in: Home » Articoli

Cassazione: biglietto prego? Se il passeggero non lo ha o è falso, attenzione caro controllore a non ingiuriarlo. Potrebbe costarLe caro!

Vigile in atto a elevare una contravvenzione
di Barbara LG Sordi -
Molti si ricorderanno una scena di uno sketch divertentissimo di Aldo, Giovanni e Giacomo, in cui un uomo senza biglietto (Aldo) cerca di farla ad un controllore (Giovanni), agguerrito e acerrimo nemico dei furbetti, nonché supportato da un vecchietto alquanto impiccione (Giacomo). Aldo alias Ajeje Brazorf prova a giocarsi tutte le carte possibili con il controllore, che arriva addirittura ad inseguirlo per le vie di Milano, finendo con l'essere multato da un collega su un tram. Riguardatevelo su internet e sono certa vi farà ridere, e non poco.

E forse avrebbe dovuto guardarselo anche un conducente di autobus, che si sarebbe così evitato una bella multa per...eccesso di zelo. Unito ad un comportamento un po' troppo sopra le righe. La vicenda ha per protagonista il signor Osvaldo M. di Brindisi, conducente di autobus per l'appunto, che nel lontano 11 dicembre 2004 aggredì verbalmente un minorenne, reo di voler salire sul mezzo nonostante un biglietto che per l'autista era falso.

Dopo l'ennesimo tentativo del ragazzo di salire sul bus il signor Osvaldo iniziò a dare letteralmente in escandescenza, rivolgendo al giovane una serie di improperi, sul genere: "O sei stupido o non capisci niente. Ti ho detto che questo biglietto e' falso, scendi e comprati un altro biglietto se vuoi salire, altrimenti resti a terra". E finendo con il fare a brandelli il biglietto. Un atteggiamento che i genitori del ragazzo non gradirono affatto, denunciando così il conducente. Il Tribunale di Brindisi, con sentenza del 28 settembre 2009, gli diede ragione, condannando l'autista per ingiuria e appioppandogli una multa di 180 euro a titolo di risarcimento.

Il conducente ha tentato la via della Cassazione, sperando che gli venisse data ragione, puntando come motivazione del ricorso sul fatto che "le caratteristiche anomale del biglietto erano state accertate dagli stessi giudici di merito", e che nonostante il suo comportamento non meritava alcun tipo di condanna. Of course! (Di corsa! Direbbe il mitico Ajeje).

E invece la Quinta sezione penale, con sentenza 44968, ha confermato la decisione del Tribunale di Brindisi, sottolineando l' "assoluta sproporzione della condotta offensiva dell'imputato, esorbitante dai limiti dell'esercizio della propria funzione e non giustificata da alcun fatto ingiusto del soggetto passivo". Gli Ermellini hanno dunque bocciato il ricorso del conducente di bus, e lo hanno inoltre condannato a farsi carico delle spese processuali sostenute dalla famiglia del ragazzo ingiuriato, pari a ben 5.230 euro.

Se gli dovesse ricapitare forse potrebbe tentare la via del "lei è un imbecille perché imbelle" e sperare in un po' di senso dell'umorismo.
Email barbaralgsordi@gmail.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/11/2012 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF