Sei in: Home » Articoli

DIFFAMAZIONE e libertà di stampa - BAVAGLIO addio per sempre! Caso SALLUSTI

rassegna giornali stampa
Caro Zibaldone, l'inettitudine di questo Parlamento bollito ha salutato l'abbandono ormai definitivo dell'ennesimo ddl - bavaglio del Partito Trasversale del Rancore. Eh, sì, mi sa tanto che, dopo l'affossamento di ieri dell'art. 1 della legge ad personam per salvare Alessandro Sallusti, direttore de "Il Giornale", cade per sempre la possibilità di approvare quella legge - ritorsione contro le voci libere che garantiscono a questo Paese ancora spiragli di civiltà informativa e giuridica. Vi raccomando anche il consueto tiro al ...Magistrato di turno, il relatore Dott. Antonio Bevere della Corte di Cassazione Penale che, unanimemente, viene considerato giudice equilibrato, preparato e garantista, oltre che, per nostra esperienza diretta, molto rispettoso verso gli avvocati ed il delicato ruolo che essi svolgono. La Procura della Repubblica di Milano, per bocca del Dott. Edmondo Bruti Liberati, Procuratore Capo, ha reso noto: "il magistrato di sorveglianza deciderà nei prossimi giorni se accogliere o respingere la nostra richiesta", ricorrendo le condizioni per l'esecuzione della pena detentiva inflitta dalla Cassazione Penale a quattordici mesi di reclusione presso il domicilio, alla luce del decreto "svuota carceri".
Nella fattispecie tecnico-giuridica, che, nonostante la compatta campagna pro reo, a nostro sommesso avviso ha poco o nulla a che vedere con la libertà di stampa (salvo il tentativo politico di ridimensionarla!), non sussiste pericolosità sociale, la pena definitiva è inferiore a diciotto mesi e sussiste la congruità del domicilio. Sallusti ha chiesto di poter scontare la pena presso la residenza milanese della compagna, On.le Daniela Santanché, esprimendo il desiderio di poter continuare a lavorare; in questo caso si tratterebbe di domiciliari con permesso di lavoro. Il Procuratore di Milano ha spiegato: "un conto è la detenzione domiciliare, un conto è l'esecuzione della pena presso il domicilio, in base alla legge 199 del 2010, modificata nel 2012". Va ricordato che il condannato non ha presentato richiesta per l'affidamento in prova ai servizi sociali.
(27/11/2012 - Avv.Paolo Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF