Sei in: Home » Articoli

Irrilevante che il sistema d'allarme sia stato eluso: è responsabile comunque la banca per il furto nella cassetta di sicurezza

ladro furto
Con la sentenza 18706 del 31 ottobre 2012, la Corte di cassazione ha affermato che non importa se il sistema d'allarme della banca sia stato aggirato e la cassetta di sicurezza intestata al cliente sia stata trafugata: l'istituto di credito è comunque responsabile.

La prima sezione civile ha così accolto il ricorso contro la decisione della Corte d'appello di Torino che ha ridotto il risarcimento compensando tra le parti le spese del doppio grado di giudizio nella misura di tre quarti, ponendo la residua frazione a carico della banca e ritenendo la corresponsabilità di un dipendente della Mondialpol incaricata di provvedere alla vigilanza dei locali.

Per la Suprema Corte la banca deve sempre disporre misure idonee a prevenire ogni evento dannoso, per questo è stata ritenuta responsabile del furto osservando che «l'art. 1218 Cc pone un'inversione dell'onere della prova, ma non una presunzione qualificata di colpa grave del debitore inadempiente: che, costituendo evenienza speciale, legata a una macroscopica violazione degli ordinari canoni di diligenza, prudenza e perizia, è addirittura equiparata, per diuturna tradizione dottrinaria, all'elemento psicologico del dolo».
Per questo è stata riconosciuta la colpa grave a carico della banca: «la grave e inescusabile imprudenza, negligenza e imperizia del debitore– si legge in sentenza - deve essere ragguagliata non già alla diligenza media del buon padre di famiglia, bensì alla specifica professionalità esigibile da un soggetto altamente qualificato, istituzionalmente erogatore di un servizio di interesse pubblico; cui quindi è imposta la doverosa predisposizione di tutti gli accorgimenti resi disponibili dalla tecnica più avanzata e delle cautele idonee a prevenire l'evento dannoso (art. 1176 Cc)».

Nel caso in esame, l'istituto doveva predisporre, oltre alle consuete apparecchiature meccaniche, anche un servizio di sicurezza composto da uomini che più opportunamente avrebbero potuto rendersi conto della presenza di ladri nell'interno dei locali.   
Vai al testo della sentenza n.18706 del 31 ottobre 2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/11/2012 - Alba Mancini)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF