Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inammissibile la ricusazione del GIP sulla base dell'appartenenza a una corrente 'ideologica'

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 37315/2003) ha stabilito che un imputato non può rifiutare un giudice solo perché iscritto ad una delle correnti "ideologiche" della Magistratura. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che le cause di ricusazione sono specificatamente indicate nel codice di procedura penale e non è "causa di astensione e di ricusazione l'adesione del giudice a una corrente dell'Associazione Nazionale Magistrati, neppure se ricollegata ad aspri conflitti personali, non potendo tali conflitti riferirsi a un rapporto tra una parte privata e una corrente della Magistratura associata come tale e, quindi, a tutti gli aderenti a tale corrente, complessivamente e indiscriminatamente considerati". Con questa decisione la Corte ha respinto il ricorso con il quale un imputato aveva chiesto la ricusazione di un giudice per le indagini preliminari, per il solo fatto della sua appartenenza alla corrente "Magistratura Democratica".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/11/2003 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF