Sei in: Home » Articoli

Lavoro nero: Cassazione non bastano dichiarazioni del lavoratore rese durante le visite ispettive per giustificare la sanzione al datore di lavoro

lavoro appalti costruzioni edili lavoratore
La Corte di Cassazione con sentenza n. 19475 del 2012, ha affermato che le sole dichiarazioni rese nell'immediatezza dei fatti da un lavoratore in nero, ancora scosso emotivamente per la visita ispettiva, sono da ritenersi insufficienti a provare la pretesa avanzata dall'Agenzia delle Entrate nei confronti del datore di lavoro per aver avuto alle dipendenze un lavoratore non risultante dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria. 
Nello specifico la Suprema Corte, rigettando il ricorso proposto dall'Agenzia delle Entrate avverso la sentenza con cui la Commissione Tributaria Regionale rilevava che difettava la prova della falsità della scritturazione aziendale in quanto sussistevano in tal senso le sole dichiarazioni del lavoratore e che le stesse dichiarazioni successivamente erano state smentite, afferma l'infondatezza del motivo formulato dalla ricorrente in merito alla insufficiente motivazione su un fatto controverso e decisivo per il giudizio non essendo state chiarite le ragioni per le quali si erano privilegiate non le dichiarazioni rese dal teste ai verbalizzanti ma quelle successive certamente "aggiustate" a distanza di tempo.

La sentenza impugnata - spiegano i giudici di legittimità - “spiega in modo logico e persuasivo perché le sole dichiarazioni rese nell'immediatezza dei fatti dal teste, ancora scosso emotivamente per la visita ispettiva, siano state ritenute insufficienti a provare la pretesa avanzata nei confronti dell'intimato: la sentenza non privilegia le seconde dichiarazioni ma ritiene che le prime siano insufficienti a provare la fondatezza della sanzione irrogata. La motivazione appare congrua, mentre le censure appaiono di merito, tendenti ad una rivalutazione del fatto, inammissibile in questa sede.”.
Vai al testo della sentenza 19475/2012
(15/11/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF