Sei in: Home » Articoli

Locazioni: Cassazione, non opera presunzione di colpa del conduttore se non è nota condizione del bene al momento del contratto

appartamento locazione casa
Con la sentenza n. 18498/2012 la Corte di Cassazione ha stabilito che la presunzione di colpa a carico del conduttore per i danni provocati all'immobile locato non opera se non è conosciuta la condizione dei beni al momento della stipula del contratto di locazione.

Il caso esaminato dalla Corte riguarda il proprietario di un appartamento, concesso in locazione, che aveva richiesto il risarcimento dei danni facendo leva proprio sulla presunzione di colpa.

La domanda veniva respinta dai giudici di merito e il caso finiva in Cassazione dove il proprietario ha fatto presente che il danno doveva essergli riconosciuto dato che era derivato dal degrado dell'appartamento che successivamente era stato venduto per un prezzo notevolmente più basso rispetto all'effettivo valore.

I giudici di Piazza Cavour hanno respinto il ricorso sottolineando la carenza assoluta di prova sulla condizione del bene al momento della stipula del contratto di locazione con la conseguenza che non può considerarsi sufficiente il richiamo al verbale redatto in sede di inventario dall'ufficiale giudiziario.

In sostanza, conclude la Corte, "la presunzione di colpa generica a carico del conduttore prevista dall'art. 1588 c.c. resta scalfita dalla circostanza", accertata in sentenza, "della inesistenza degli asseriti danni prodotti dalla sua condotta al bene locato".
Vai al testo della sentenza n. 18498 - 2012
(07/11/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF