Sei in: Home » Articoli

Corte Costituzionale: illegittima la norma che rende obbligatoria la mediazione

consulta costituzionale
La Corte costituzionale ha dichiarato la illegittimità costituzionale, per eccesso di delega legislativa, del d.lgs. 4 marzo 2010, n.28 nella parte in cui ha previsto il carattere obbligatorio della mediazione. È quanto reso noto attraverso un comunicato stampa pubblicato oggi nel sito istituzionale della Consulta (v. comunicati stampa della Consulta).

Il D.l.gs 28/2010 si era proposto l'obiettivo di deflazionare il contenzioso attraverso un istituto che rendeva obbligatoria la mediazione in determinati tipi di controversie.

Il presidente dell'OUA ha espresso la sua soddisfazione per una decisione che costituisce una grande vittoria anche per i cittadini e che mette fine a un "meccanismo perverso che, oltre che limitare l'accesso alla giustizia, avviava un processo di privatizzazione di un diritto sancito dalla nostra Costituzione".

Secondo De Tilla questo è il momento di approfondire il confronto e puntare "su sistemi moderni di soluzione alternative alle controversie, con criteri di qualità e rigore e senza dissimulate privatizzazioni dei diritti".

Il Ministro della Giustizia Paola Severino, dal suo canto fa notare che la sentenza ha dichiarato l'illegittimità solo di una parte del provvedimento e che resta comunque la mediazione facoltativa in relazione alla quale probabilmente si punterà su degli incentivi.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/10/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Paga le tasse auto con 700 kg di monete … e manda gli uffici in tilt
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF