Sei in: Home » Articoli

Cassazione: va condannato l'investigatore privato che filma la persona all'interno della sua dimora

spiare id10093
La Suprema Corte, con Sentenza 19 ottobre 2012 n. 41021, ha respinto il ricorso di un investigatore privato già condannato dal Tribunale per il reato di interferenze illecite nella vita privata ex art. 615-bis c.p

L'imputato si era procurato indebitamente, mediante uso di uno strumento di ripresa visiva, immagini attinenti alla vita privata della persona offesa, introducendosi nel giardino adiacente all'abitazione in cui essa si trovava.

Il Tribunale con la precedente sentenza aveva accertato il reato di interferenze illecite nella vita privata in quanto egli aveva violato il domicilio della persona offesa.

Dello stesso avviso anche la Corte di Cassazione che ribadisce che "il riferimento contenuto nel primo comma dell'art. 615-bis c.p. ai luoghi indicato nell'art. 614 c.p. ha la funzione di delimitare gli ambienti nei quali l'interferenza nella vita privata altrui assume rilevanza penale, ma anche quella di recepire il regime giuridico dettato dalla disposizione.

Aggiunge infatti che "ai fini della configurabilità del reato punito dall'art. 615 bis c.p. è irrilevante la mancata identificazione, o la non identificabilità, della persona cui si riferisce l'immagine abusivamente captata dal terzo, atteso che il titolare dell'interesse protetto dalla norma non è soltanto il soggetto direttamente attinto dall'abusiva captazione delle immagini, ma chiunque, all'interno del luogo violato, compia abitualmente atti della vita privata che necessariamente alle stesse si ricolleghino".

Per questi motivi la Suprema Corte dichiara inammissibile il ricorso dell'investigatore privato.
Vai alla motivazione della sentenza 41021/2012
(23/10/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF