Sei in: Home » Articoli

Più opportunità d'investimento per le aziende italiane con l'apertura di un ufficio di rappresentanza in Spagna.

1112011222358a id11786
Articolo di: Avvocato Ana Fernández Gil Tra le tante forme giuridiche per essere attivi all'interno del mercato spagnolo, per espandere nel migliore dei modi la propria attività economica, ci sono società anonime o società a responsabilità limitata, che permettono in questo senso di gestire in modo nettamente autonomo i propri affari – rispetto anche alla casa madre – o ancora, esistono delle altre forme per operare, come ad esempio la succursale o la filiale, che per contro, godono di una certa autonomia, pur essendo dipendenti per determinate decisioni dalla rispettiva casa madre. Una soluzione sufficientemente flessibile, per un gruppo in cerca di opportunità di investimento in Spagna, è quella di costituire o una società commerciale o una succursale, come del resto, decidere di dar vita ad un ufficio di rappresentanza, che per un investitore straniero può ridurre in modo sostanzioso i costi e le trafile burocratiche. Ma a titolo di esempio, queste sono le principali caratteristiche che differenziano in modo deciso l'ufficio di rappresentanza: - L'ufficio di rappresentanza non dispone, per sé stesso, di una sua personalità giuridica che sia nettamente autonoma in rapporto a quella che è la sua casa madre. - In linea di massima, per la costituzione e l'apertura di un ufficio di rappresentanza, non sono prevista particolari formalità dal punto di vista commerciale, sebbene per quanto riguarda il completo rispetto della normativa fiscale, del lavoro e della previdenza sociale, sia preferibile agire con un atto pubblico ( o un documento sottoscritto da un notaio straniero, attraverso la legalizzazione effettuata attraverso l'Apostille). In questo modo, l'ufficio di rappresentanza, può disporre di suoi fondi, di un rappresentante fiscale, che può essere qualunque soggetto residente in Spagna. L'ufficio di rappresentanza, del resto, non necessita dell'iscrizione nel registro delle imprese. Al di là di queste principali caratteristiche che stanno alla base della speciale natura dell'ufficio di rappresentanza, va parimenti detto che non vi è alcuna necessità particolare – prevista in modo cogente dalla legge – per quanto riguarda l'organizzazione dello stesso relativamente agli organi formali di gestione, sebbene le stesse attività vengano gestite dal rappresentante designato, che agisce in virtù di quanto prescritto nel dato caso. Per gli imprenditori interessati a fare business in Spagna è disponibile una comparativa fiscale con pratico esempio al seguente link:COMPARATIVA FISCALE ITALIA - SPAGNA
Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna
Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle General Urrutia, 75 – 7A - 46013 Valencia (Spagna)
Tel: +34.647.44.21.02
Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com
Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval

Brochure dello studio legale D'altro canto, in linea di massima, l'ufficio di rappresentanza agisce all'interno dei limiti delle prassi commerciali che vengono svolte con questa particolare forma giuridica, che spicca in modo particolare per occuparsi del coordinamento, della collaborazione e di altre mansioni tipiche che vengono svolte per tentare un approccio concreto nel mercato in cui si trova ad operare. Bisogna tuttavia ben evidenziare che, dal punto di vista della responsabilità segnatamente alle obbligazioni contratte dall'ufficio di rappresentanza all'interno del territorio in cui si trova ad operare, a rispondere è sempre e comunque l'azienda madre, che non può in alcun modo escludere la sua responsabilità di quanto compiuto.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/10/2012 - L.V.)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF