Sei in: Home » Articoli

Cassazione: investire in Bond Cirio e Parmalat era un'operazione a rischio. Banche risarciscano i clienti

euro
La Corte di Cassazione ha dato ragione ai risparmiatori: investire nei Bond Parmalat e Cirio era rischioso e le banche dovevano informare i propri clienti anche quando ancora non si parlava di default. A sancire l'obbligo di risarcimento del danno degli istituti di credito è la sentenza n. 18038/2012 che nel dettaglio ha affrontato il problema della valutazione, da parte delle banche, della propensione al rischio, di chi fa investimenti.

Nella parte motiva della sentenza la Corte spiega, tra le altre cose, che la propensione a rischio, anche se non è stata rivelata dal cliente, può essere desunta dal suo profilo. In ogni caso la banca è tenuta a dare le necessarie informazioni sui rischi legati agli investimenti.

Secondo la Cassazione le banche non possono giustificarsi per il solo fatto che non fosse chiaro il rischio di default delle due società e neppure possono addurre a discolpa il fatto che titoli fossero regolarmente venduti anche da altri istituti che li consideravano convenienti.

Se poi si considera che i bond Cirio e Parmalat non avevano un rating ufficiale, il loro livello di rischio era immediatamente precedente a quello speculativo.

Ricordiamo che i casi Cirio e Parmalat insieme a quelli dei Bond Argentina hanno coinvolto più di 500.000 investitori italiani per una cifra di circa 15 miliardo di euro.
Vai al testo della sentenza 18039/2012
(21/10/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF