Sei in: Home » Articoli

TAR LIGURIA - Un altro COGNOME in aggiunta al Vostro? Con il consenso del terzo si può

art.148
Puntata n. 14 dei nostri incontri di prossimità con il diritto amministrativo presi per mano, nei meandri dei Tar, dal Prof. Avv. Ciro Centore che stavolta si occupa di aggiunta di un ulteriore cognome; buona lettura!

TAR LIGURIA / LEGITTIMA LA PRETESA DI UN ULTERIORE COGNOME PER RAPPORTI DI STIMA.

Il Tribunale Amministrativo Ligure, Sez.I (Balba, Presidente, Morbelli, Estensore, Perugia, Consigliere) con una recentissima sentenza, del corrente mese di ottobre, ha accolto in pieno il ricorso proposto da una “dottoressa” che, già avendo un nome e cognome, per rapporti di stima professionale ed umana, desiderava “aggiungere”, con il consenso del terzo, il cognome di questo ultimo al proprio cognome. Aveva chiesta questa particolare “autorizzazione”, evidenziando e documentando “il come e il perchè” il cosiddetto terzo fosse stato, nella vita “professionale”, un riferimento costante per la sua stessa crescita culturale, oltre che umana.
La relativa istanza era stata presentata, come da legge e per legge, al Ministero degli Interni che aveva avuto a rigettarla, non condividendo questa “motivazione”. Di qui il ricorso al TAR Ligure che è stato di “contrario avviso” e ha accolto il ricorso dell'interessata, sottolineando che le ragioni affettive, di gratitudine e “quant'altro” giustificano questa richiesta e ne rendono doveroso l'accoglimento. Tra l'altro il TAR si è rifatto anche ad una antica sentenza, di circa venti anni prima, che aveva trattato la stessa questione (accogliendola) precisando che è ben possibile “trasmettere” il proprio cognome a persone “non legate da vincoli di parentela”, perchè l'ordinamento giuridico “milita” in tal senso ed esclude che tutto ciò possa intervenire nella sola fattispecie della “adozione” di persone adulte. In altre parole, è legittima la trasmissione del cognome di terzi, purchè sussista una idonea motivazione. Il TAR ha condannato il Ministero anche alle spese e competenze di giudizio. -Prof. Avv. Ciro Centore-
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/10/2012 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF