Sei in: Home » Articoli

Riforma forense: il testo del DDL n.3900 'Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense' approvato alla camera il 9 ottobre 2012

avvocato toga legge sentenza
Continua l'iter di approvazione del disegno di legge di riforma dell'ordinamento forense. Il provvedimento riconosce anche importante ruolo dell'avvocato che viene indicato come colui che "L'avvocato ha la funzione di garantire al cittadino l'effettività della tutela dei diritti" e la cui attività deve essere fondata "sull'autonomia e sulla indipendenza dell'azione professionale e del giudizio intellettuale".

Per quanto riguarda le associazioni tra avvocati e multidisciplinari l'art. 4 dispone che "La professione forense può essere esercitata individualmente o con la partecipazione ad associazioni tra avvocati. L'incarico professionale è tuttavia sempre conferito all'avvocato in via personale. La partecipazione ad un'associazione tra avvocati non può pregiudicare l'autonomia, la libertà e l'indipendenza intellettuale o di giudizio dell'avvocato nello svolgimento dell'incarico che gli è conferito. È nullo ogni patto contrario". Nel secondo comma si precisa che "possono partecipare alle associazioni di cui al comma 1, oltre agli iscritti all'albo forense, anche altri liberi professionisti appartenenti alle categorie individuate con regolamento del Ministro della giustizia ai sensi dell'articolo 1, commi 3 e seguenti."

Per quanto riguarda le specializzazioni, il DDL prevede la possibilità per gli avvocati di ottenere e indicare il titolo di specialista secondo modalità che sono stabilite con regolamento adottato dal Ministro della giustizia previo parere del CNF.

Non basterà l'esito positivo dei corsi formativi giacchè "Il conseguimento del titolo di specialista per comprovata esperienza professionale maturata nel settore oggetto di specializzazione è riservato agli avvocati che abbiano maturato un'anzianità di iscrizione all'albo degli avvocati, ininterrottamente e senza sospensione, di almeno otto anni e che dimostrino di aver esercitato in modo assiduo, prevalente e continuativo attività professionale in uno dei settori di specializzazione negli ultimi cinque anni".

Si richiama per il resto il testo approvato alla camera il 9 ottobre 2012 qui sotto.
Vai al testo del DDL n. 3900 approvato alla camera il 9 ottobre 2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF