Sei in: Home » Articoli

Cassazione: stop al marketing piramidale online

gruppo di lavoro id9882
Giro di vite della Cassazione contro il sistema di marketing piramidale. A mettere fuori legge una forma particolare di "Multilevel marketing" è la terza sezione penale della Corte di Cassazione (sentenza numero 37049/2012) secondo cui commette reato il titolare di un sito Internet che svolge un'attività commerciale basata sulla corresponsione di somme di denaro per il puro e semplice reclutamento di altri utenti piuttosto che per la vendita di beni o servizi. Il marketing piramidale infatti si basa sullo scambio di denaro principalmente per l'arruolamento di nuove persone.

La Corte ricorda che in base a quanto dispone l'articolo 5 della Legge 17 agosto 2005 n. 173 sono illegali le "vendite piramidali". In altri termini non è ammessa "la promozione e la realizzazione di attività e di strutture di vendita nelle quali l'incentivo economico primario dei componenti la struttura si fonda sul mero reclutamento di nuovi soggetti piuttosto che sulla loro capacità di vendere o promuovere la vendita di beni o servizi determinati direttamente o attraverso altri componenti la struttura". La Corte fa anche notare che non fa venir meno la responsabilità penale il fatto che l'adesione al sistema da parte degli iscritti è volontaria dato che, spiega la corte, "la norma incriminatrice non richiede l'involontarietà dell'adesione quale presupposto per la sussistenza del reato”. In buona sostanza se un'azienda paga commissioni per reclutare nuovi distributori ai distributori stessi si pone in essere una vera e propria "Catena di sant'Antonio".

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/10/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF