Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente vendette private contro atti di bullismo

Bambino triste
╚ vietato vendicarsi per atti di bullismo, anche se a farlo Ŕ il genitore della vittima. ╚ quanto chiarisce la Cassazione, che ha confermato una condanna a tre mesi di reclusione (convertita in pena pecuniaria) inflitta nei confronti di un padre che aveva usato violenza nei confronti di un giovane di 13 anni reo di aver vessato il figlio con atti di bullismo.

Nello specifico il genitore, aveva preso il giovane bullo e lo aveva trascinato per i capelli e per un orecchio nella camera della vittima, il figlio di 11 anni, costringendolo sotto minaccia a chiedere scusa in ginocchio e dandogli due ceffoni sul volto. Il bullo diventato 'vittima', secondo la Cassazione, Ŕ stato sicuramente sconvolto e alterato, sul piano psichico, "dalla condotta reiteratamente violenta, sotto tutti i profili, dell'imputato, proiettata verso un obiettivo di punizione e rieducazione, assolutamente al di fuori della sua competenza ed estranea alle regole di civiltÓ che sempre e comunque devono vincolare le azioni e le reazioni dei cittadini".

Per la stessa Cassazione, la pena inflitta all'uomo, giÓ condannato in primo e secondo grado, sarebbe "calibrata e commisurata alla gravitÓ del danno cagionato al minorenne". L'uomo avrebbe infatti dovuto semplicemente rivolgersi ai responsabili del centro sportivo nel quale si erano verificati gli atti di bullismo, senza prendere iniziative personali di nessun genere.
Partecipa al sondaggio:
web surveys

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/10/2012 - Andrea Proietti)
Le pi¨ lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione Ŕ abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio Ŕ stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF