Sei in: Home » Articoli

Cassazione: commercio di sostanze dopanti e ricettazione

pillole medicine doping farmacia
La Corte di Cassazione, con sentenza 24 settembre 2012, n. 36678, ha rigettato il ricorso di un imputato già condannato, dal GUP e dalla Corte d'Appello, per il reato di ricettazione aggravata e violazione dell'art. 9, comma 7, L. n. 376 del 2000 per commercio illecito di sostanze dopanti. Il ricorrente in sua difesa aveva eccepito che l'articolo 9, L. n. 376 del 2000, avrebbe assorbito il reato di ricettazione, dato che al detentore della droga non risultava mai contestato il concorso con il delitto di ricettazione e che le precedenti sentenze non avevano tenuto conto della tenuità del fatto ex art. 648 c.p.

La Suprema Corte ha richiamato una precedente giurisprudenza di legittimità che aveva già chiarito come "il reato di commercio di sostanze dopanti, attraverso canali diversi dalle farmacie e dispensari autorizzati, concorre con il reato di ricettazione, in considerazione della diversità strutturale delle due fattispecie - potendo essere il reato previsto dalla legge speciale commesso anche con condotte acquisitive non ricollegabili a un delitto - e della omogeneità del bene giuridico protetto, poiché la ricettazione è posta a tutela di un interesse di natura patrimoniale, mentre il reato di commercio abusivo di sostanze dopanti è finalizzato alla protezione della salute di coloro che partecipano alle manifestazioni sportive."

Come nei precedenti gradi di giudizio la Corte ha ribadito che non si è trattato di una mera violazione della norma speciale dell'art. 9, L. n. 376 del 2000, ma vi è stata a "monte" una necessaria e concorrente condotta "acquisitiva" di natura illecita, in quanto ricollegabile a delitto, considerato che le sostanze dopanti in questione erano contenute in "confezioni di tipo ospedaliero".

Secondo i giudici di legittimità, anche la "particolare tenuità" deve essere esclusa in quanto si è trattato della ricezione di 80 confezioni di farmaci dopanti, del valore complessivo di 1.480 euro. Per questi motivi la Cassazione rigetta il ricorso valutando le precedenti pronunce conformi alle norme, apprezzando la tenuta logica e la coerenza strutturale della giustificazione formulata.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/09/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF