Sei in: Home » Articoli

Scandali rosa

escort prostituta prostituzione
di Barbara LG Sordi -
Povera la nostra ministra Elsa Fornero, non ne aveva forse abbastanza di beghe con scioperanti e manifestanti contrari alla sua epica (mancata) Riforma del Lavoro? Forse non per qualcuno, nello specifico per il vignettista del Manifesto, Vauro, che l'ha voluta ritrarre in reggicalze, in attesa di una telefonata dal manager Fiat più nominato del momento (soprattutto da imprenditori della calzatura. Però di lusso), Sergio Marchionne. La Fornero non ha proprio gradito (beh, effettivamente è stata anche appellata "La ministra squillo"), sottolineando come il maschilismo sia ancora imperante (ma va?) e ben lungi da lasciare in pace le dame a palazzo. Sull'ultimo punto ovviamente non rientrano "certe" dame milanesi, abbarbicate sulla loro soffice poltrona in regione, of course!

Tralasciando la mancanza di ironia, che pare sempre più contagiosa nel mondo dei nostri zomb...cioè, politici, bisogna dare atto alla Fornero che una cosa giusta l'ha imbroccata. L'Europa manca ancora assai dal punto di vista delle pari opportunità (si, insomma l'antica uguaglianza) tra uomini e donne. Le opportunità sono sempre un po' più pari per gli uomini, un po' meno per le donne.

E a confermarlo è anche un episodio accaduto di recente, in occasione di una consultazione della Commissione Europea sulla proposta di una direttiva per le quote rosa (shocking, magari, per dare una scossetta al sistema) nei cda delle società quotate in borsa (vuoi dire che al posto di Marchionne potremmo avere, che so, una...una chi? Per l'appunto). O meglio, più che di un episodio, si tratta di una lettera inviata dalla Gran Bretagna, ricevuta dalla commissaria alla giustizia Viviane Reding, che tra l'altro è anche autrice della proposta (beh, le lettere quando si mandano, non si mandano mica a casaccio!).

Motivo di sgomento non è tanto l'invio di una missiva cartacea, evento ormai rarissimo ma che usa ancora nei piani alti (anche se sono proprio loro i promulgatori delle famose agende elettroniche), quanto invece il suo contenuto, alquanto sconcertante per un Paese che è retto da una monarca donna e che è stato raddrizzato come non mai da una Lady di Ferro. I Britannici NON vogliono che il 40% delle quote dei cda siano destinati alle donne.

Perché? Boh, forse nei giorni scorsi il governo aveva altri pensieri (vedi tette-rubate-di-Kate)? Anche la Merkel si era inizialmente schierata (e poi parlano di cooperazione femminile?!), poi però non ha voluto firmare la lettera. Strano che questa riluttanza venga proprio da due paesi in cui l'apertura sociale è maggiore, soprattutto a riguardo delle donne.

Paura della concorrenza? Ma tranquille le Minetti &co. non ci pensano proprio ad emigrare, troppa grazia qui da noi! Purtroppo....
Email barbaralgsordi@gmail.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/09/2012 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF