Sei in: Home » Articoli

Cassazione: professionista che concorda compenso deve rendere subito noto aumento per prestazioni ulteriori

cassazione sentenza
Un professionista non può richiedere un adeguamento dell'onorario dopo che il preventivo è già stato effettuato, a meno che la richiesta di incremento non sia immediata. È quanto stabilito dalla seconda sezione civile della Cassazione con la sentenza numero 15628 del 18 settembre 2012, che ha respinto la richiesta di un architetto che, pur avendo già concordato con il proprio cliente un compenso forfetario per la ristrutturazione di un immobile, pretendeva dei compensi ulteriori.

Ultimati i lavori, l'architetto aveva richiesto un adeguamento del compenso pattuito, adducendo che nel corso dei lavori si era visto costretto a compiere ulteriori attività rispetto a quelle previste inizialmente, e che avevano reso non più adeguato l'onorario inizialmente stabilito.

La domanda dell'architetto era stata respinta già dai giudici di merito. Inutile il ricorso in cassazione dell'architetto: la Corte ha respinto la domanda, dichiarando che il professionista avrebbe dovuto render noto da subito l'eventuale incremento delle prestazioni effettuate rispetto a quelle previste. Nella parte motiva della sentenza peraltro gli Ermellini hanno rimarcato che "Il comportamento del professionista che avesse svolto prestazioni ulteriori rispetto a quelle pattuite, con la riserva mentale di chiedere un compenso aggiuntivo è contrario a buona fede".

La Corte fa anche notare che, come emerge dagli atti di causa, le parti a seguito di trattativa avevano determinato un compenso forfettario onnicomprensivo. Un eventuale incremento delle prestazioni effettuate dunque, con conseguente sopravvenuta inadeguatezza compenso, "avrebbe dovuto essere palesato immediatamente da professionista cliente".
Vai al testo della sentenza 15628/2012
(21/09/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF