Sei in: Home » Articoli

Diritto di culto e misure di prevenzione speciale

Con ordinanza n. 309/2003 del 7 ottobre 2003 la Corte costituzionale ha dichiarato infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 7-bis della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, nella parte in cui prevede che la persona sottoposta alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno in un determinato comune di residenza o dimora abituale, possa essere autorizzata dal giudice ad allontanarsi dal comune medesimo esclusivamente per ragioni di salute e non anche per la professione in forma associata della propria fede, sollevata dal Tribunale di Catanzaro. La Corte ha osservato che la sospensione degli obblighi del sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno per consentire la partecipazione periodica e continuativa a cerimonie religiose sarebbe in insuperabile contraddizione con le esigenze in vista delle quali la misura di prevenzione è adottata, come risulta evidente sia dalla circostanza che l'autorizzazione dovrebbe valere in generale per tutta la durata della misura, sia dall'ovvia impossibilità di assicurare idonee misure di pubblica sicurezza nei luoghi di culto e durante la celebrazione di cerimonie religiose. Da ciò risulta che l'ipotizzata estensione dell'art. 7-bis della legge 27 dicembre 1956, n. 1423 dal campo del diritto alla salute a quello del diritto di culto non rappresenterebbe un contemperamento tra esigenze costituzionali da armonizzare (cosa che avviene per la tutela del diritto alla salute, per la quale è prevista l'autorizzazione) ma semplicemente la vanificazione di una a favore dell'altra.

( Corte Costituzionale, Ord. 07/10/2003 , n. 309 )

(News pubblicata su autorizzazione di www.leggiditalia.it)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/10/2003 - www.leggiditalia.it)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF