Sei in: Home » Articoli

Il Senato approva il decreto-legge sulle forze di polizia

Il Senato della Repubblica ha approvato, mercoledì 15 ottobre, il disegno di legge n. 2476, di conversione del D.L. 10 settembre 2003, n. 253, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 211 dell'11 settembre 2003, e recante " Disposizioni urgenti per incrementare la funzionalità dell'Amministrazione della pubblica sicurezza e della protezione civile". Il provvedimento è già stato assegnato alla I Commissione della camera dei Deputati, con il numero 4375. Con tale provvedimento d'urgenza, in attuazione dell'articolo 80, comma 8, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, si provvede all'assunzione di 1000 agenti della polizia di stato, così suddivisi: 550 utilizzando la graduatoria degli idonei del concorso per allievo agente, indetto con bando in data 8 novembre 1996, pubblicato sulla GazzettaUfficiale n. 298 del 20 dicembre 1996; per le rimanenti 450 unità, facendo riferimento ai primi 450 del concorso indetto in data 26 maggio 1999, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 1° giugno 1999, aumentando i posti del predetto concorso da 280 a 730. Per i posti non coperti si provvederà con appositi concorsi. A tale specifica ipotesi se ne aggiunge un'altra, consistente nella possibilità di riammettere in servizio il personale trasferito ad altre Amministrazioni pubbliche. Nelle premesse del decreto-legge viene esplicitato che l'impiego di questo contingente supplementare dovrà soddisfare, prioritariamente, gli interventi in materia di immigrazione e asilo, ai fini di un più capillare controllo dell'attuazione della recente legge n. 189 del 30 luglio 2002, la cosiddetta Fini-Bossi. Si ricorda che il decreto conteneva anche un articolo 2 del decreto-legge che, al fine di fronteggiare le molteplici situazioni emergenziali in atto, consentiva al Dipartimento per la Protezione civile di assumere 180 nuove unità, con appositi concorsi, o con "cooptazione" del personale già utilizzato a tempo determinato o in posizione di comando o fuori ruolo. Tale articolo è stato soppresso nella considerazione che una specifica disposizione del disegno di legge finanziaria per il 2004 prevede l'incremento di 50 unità per la Presidenza del Consiglio, per le espresse necessità del Dipartimento della Protezione civile. Sono state introdotte, dal Senato, altre modifiche. A parte alcune di carattere formale, al fine di meglio chiarire la terminologia legislativa applicata, l'unica modifica di carattere sostanziale riguarda il nuovo articolo 1bis che modifica, a sua volta, l'articolo 5bis del D.L. 6 maggio 2003, n. 83, convertito, con modifiche, dalla legge 2 luglio 2000, n. 133. Il decreto è quello in materia di scorte, istitutivo dell'UCIS. Tale articolo, nella sua formulazione originaria, prevede che per esigenze eccezionali e temporanee può essere conferita, previo l'accertamento del possesso dei requisiti e la prestazione di giuramento, la qualifica di agente di pubblica sicurezza a conducenti di veicoli in uso ad alte personalità che rivestono incarichi istituzionali di Governo, allo scopo di garantirne la tutela, l'incolumità e la sicurezza. L'emendamento apportato consente di estendere la suddetta previsione alle alte personalità istituzionali di Governo dell'Unione Europea, nonché ad altre personalità da individuarsi con decreto del Minsitro dell'interno, che per il ruolo rivestito e la delicatezza delle funzioni svolte, sono esposte a gravi pericoli. Ciò potrebbe comportare, peraltro, un minore impiego del personale delle forze di polizia per tali servizi e contribuire all'annoso problema della carenza di esse sul territorio. La razionalizzazione delle risorse e la dislocazione territoriale delle Forze di Polizia, infatti, nonché la distribuzione numerica dei relativi contingenti, costituiscono un aspetto essenziale della complessiva politica del Governo in materia di ordine e sicurezza pubblica. Ciò, soprattutto, alla luce della nuova prospettiva della polizia di prossimità e di comunità, che vede impegnati, nel comune fine del miglioramento dell'efficienza operativa dell'intero assetto organizzativo, tutti i soggetti direttamente interessati alla sicurezza integrata, ossia gli organi centrali e periferici dello Stato innanzitutto, ma anche gli organismi locali deputati a garantire il benessere e la tranquillità dei cittadini. Le Forze di polizia, in virtù del loro ruolo, debbono espletare la loro attività evitando due eccessi: da una parte la presenza invadente, che potrebbe apparire come interferenza o condizionamento della vita quotidiana; dall'altra una presenza timida e inefficiente che, oltre a non garantire le aspettative di sicurezza e tutela, può incoraggiare l'insorgere di situazioni di violenza e prevaricazione. E' proprio l'equilibrio fra queste due posizioni estreme che deve guidare una razionale distribuzione delle risorse umane, valutando con ponderata obiettività e equilibrata equidistanza tali opposte, ancorché entrambe legittime, esigenze provenienti dalla società civile. In Italia si è sempre avvertita maggiormente la seconda esigenza, ossia quella di potenziare l'organico esistente, anche se, rispetto ad altri Paesi europei, il rapporto fra cittadini e forze dell'ordine è fra i più alti. Forse è un problema non di consistenza numerica, ma di razionale distribuzione. Ciò che sicuramente deve in ogni caso essere tenuto presente è che il problema della presenza delle forze di polizia sul territorio non può essere ricondotto ad un mero gioco matematico statistico o, peggio, a una valutazione meramente statistico-numerica di situazioni che, per la loro peculiarità, delicatezza e complessità, richiedono un'attenzione ben più profonda e meditata. L'attuale Governo ha utilizzato tutti i mezzi disponibili per cercare di utilizzare al meglio le Forze di Polizia esistenti, allontanandoli da compiti "amministrativi" poco consoni alla loro missione istituzionale, e recuperandoli al pattugliamento e al controllo e alla repressione della criminalità. Con il D.L. n. 83 del 2002, ad esempio, si è istituito l'UCIS, l'Ufficio centrale interforze che provvede alla regolamentazione dei servizi di scorta alle personalità a rischio: in tal modo si è voluto razionalizzare una precedente gestione improvvisata, poco sicura e antieconomica degli elementi a disposizione. Con il recentissimo D.L. n. 151 del 2003, di modifica del codice della strada, si è previsto che i servizi di scorta ai trasporti eccezionali possano essere svolti da società all'uopo create, evitando l'utilizzo, quindi, di personale delle forze di polizia. Costantemente, poi, vengono monitorate le attività "amministrative" in cui vengono impiegati appartenenti alle forze dell'ordine, affinché o vengano utilizzati elementi che, per incidenti occorsi o, comunque, limitazioni gravi all'integrità fisiche non possano più svolgere servizi "attivi" o, in aggiunta, possano essere impiegati elementi puramente amministrativi, presenti nelle Amministrazioni d'ordine. Anche i servizi "ausiliari" di notificazioni di atti giudiziari sono sempre meno assegnati a personale delle forze dell'ordine. Quando, però, tutte queste misure risultano insufficienti, si deve provvedere drasticamente, non compiendo "partite di giro" con le risorse già esistenti, ma aumentando effettivamente gli elementi a diposizione.

(News pubblicata su autorizzazione di www.leggiditalia.it)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/10/2003 - www.leggiditalia.it)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF