Sei in: Home » Articoli

Scuola sempre più cara, 494 euro la spesa minima per un figlio

scuola docente fl id11682
Andare a scuola costa sempre più caro. È quanto emerso da un'indagine effettuata dall'Osservatorio Findomestic e disponibile nell'edizione di settembre, la quale ha messo in luce come il 28% delle famiglie italiane dovrà attingere a risparmi o addirittura ad aiuti esterni per provvedere il materiale scolastico ai propri figli.

La spesa minima per le famiglie con un solo figlio sarebbe di 494 euro, cifra che sale fino a 642 euro per chi di figli ne ha due. Numeri ancora più elevati sul versante dell'istruzione superiore, con genitori che potrebbero essere costretti a sborsare fino a 716 euro per iscrivere un figlio al liceo. Secondo l'indagine, l'importo medio preventivato sarebbe di 548 euro a studente.

Mentre il 57% delle famiglie ha ammesso di soffrire quest'ulteriore aumento delle spese scolastiche, accompagnato da rincari nei più svariati settori, il 47% ha dichiarato di voler acquistare ai propri figli libri usati in modo da contenere i costi.

Secondo la ricerca effettuata da Findomestic, a prescindere dal settore scuola, il livello di soddisfazione degli italiani per la situazione complessiva del Paese è di 3,3 punti su una scala da 1 a 10. Non è un caso, quindi, che rispetto al mese di luglio il numero delle famiglie intenzionate a risparmiare nel prossimo anno è passato dal 12,9 al 17%.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/09/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF