Sei in: Home » Articoli

MEDIAevo - sovraffollamento carceri - Ora le presenze sono 66.000 (capienza di 45.572) - L'indifferenza uccide più della ferocia

carcere detenuta prigione detenuto
MEDIAevo (14) - La pena carceraria sopprime soltanto la libertà personale o anche la dignità? Di certo, l'indifferenza è molto più crudele della ferocia. Ho appena individuato sul sito di "Repubblica" (accesso delle h.18:45 del 25 agosto 2012) questo articolo che tengo a presentare ai visitatori di Studio Cataldi: "Come era facilmente prevedibile, alle 17 di ieri i detenuti nelle carceri italiane hanno nuovamente superato la quota 66mila (66.065 presenze, per l'esattezza, per 45.572 posti-letto). Ed è altrettanto prevedibile che entro pochi mesi, i dati del sovraffollamento penitenziario assumeranno di nuovo rilevanza e pericolosità. L'appello della polizia penitenziaria.
E' in sintesi la nuova lettera che l'Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria (Osapp) ha trasmesso ai responsabili dei gruppi parlamentari di Camera e Senato. "Le cifre di un incremento di 350 detenuti in soli tre giorni - scrive il segretario generale dell'Osapp, Leo Beneduci - questa volta hanno riguardato principalmente la Sardegna (+84), la Sicilia (+54), la Toscana (+44), la Campania (41), il Lazio (+26) e il Piemonte (+24), ovvero regioni che già da tempo hanno superato i posti-letto disponibili e che adesso si apprestano a superare anche la capienza cosiddetta tollerabile, come già avviene per Friuli, Liguria, Lombardia, Marche, Puglia, Valle d'Aosta e Veneto, mentre del tutto insostenibile diventa anche la penuria di personale di polizia penitenziaria". Carenze nell'organico: "I detenuti gestiranno le carceri?". Infatti - si legge ancora nella lettera - "rispetto alle 7mila unità che mancano all'organico del Corpo, mai integrato dal 1992 (quando i detenuti erano meno di 40mila), in Piemonte ci sono 850 poliziotti penitenziari in meno, 700 ne mancano nel Lazio e in Toscana, 650 in Sicilia e 350 in Campania: con la spending review che blocca l'80% delle assunzioni, già da quest'anno e per i prossimi tre anni, ci aspettiamo persino carceri autogestiti dagli stessi detenuti". Fonte: Repubblica.it del 25 agosto 2012. E se i suicidi in carcere li chiamassimo con il loro vero nome: autentici delitti perpetrati dallo Stato e dall'ignavia del legislatore italiano perché l'indifferenza di costoro rende l'esistenza dei detenuti inutile ed insignificante.
Ma lo scopo della detenzione non è soltanto scontare la giusta pena, ma anche e sopra ogni cosa rieducare. I detenuti hanno commesso reati anche gravi e gravissimi, ma rimangono persone e la tutela della persona umana non deve indietreggiare difronte a nulla, neppure a causa delle sempre insufficienti risorse economiche. Ora magari è lo spread che non ce lo permette, ieri chissà cosa se non il disprezzo dei diritti civili. E come ricorda nel saggio "Diritti civili e diritti di cittadinanza: un'omologazione al ribasso" in www.personaedanno.it Roberto BIN "non c'è un diritto la cui tutela non abbia un costo". Il form sottostante è a Vostra completa disposizione per annotare le considerazioni che il pezzo della testata romana Vi stimolerà.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/08/2012 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF