Sei in: Home » Articoli

Codacons: con al 3,1% a luglio stangata da 1.415 euro per una famiglia di tre persone

inflazione_aumento id10969
“Scandaloso che con il crollo dei consumi in corso l'inflazione resti a questi livelli”, è quanto dichiarato dal Codacons in merito agli ultimi dati resi noti dall'Istat, secondo i quali l'inflazione a luglio avrebbe subito una frenata, con una variazione congiunturale dei prezzi dei consumi dello 0,1% e un aumento del 3,1% rispetto allo stesso mese del 2011. Secondo l'associazione i prezzi dei prodotti non dovrebbero salire, ma precipitare, e se questo non accade è a causa dell'assenza di libero mercato in Italia, con i commercianti che non sono autorizzati a vendere sottocosto liberamente, ma devono seguire alcune regole.

“Tradotto in termini di costo della vita avere un'inflazione al 3,1% significa, elaborando i dati Istat sulla spesa effettiva di una famiglia (e non quelli del paniere su cui si calcola l'inflazione), una stangata pari a 1415 euro per un nucleo di 3 persone e 1242 euro per una coppia”, ha commentato il Codacons, ribadendo che con l'ingresso delle nuove tasse le famiglie non possono sopportare aumenti di questo genere.

L'associazione ha quindi chiesto al presidente Monti di effettuare alcuni interventi nel settore del commercio, rimuovendo i divieti per le vendite sottocosto libere, e accorciando la filiera, considerando i potenziali sette passaggi che potrebbero avvenire prima che un prodotto giunga nella nostra casa.

Il Codacons ha inoltre fatto richiesta di un nuovo dl Cresci Italia da attuare su banche, assicurazioni, telefonia, luce, gas, carburanti e libere professioni.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/08/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF