Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si pu˛ installare l'ascensore anche se non si rispettano le distanze

casa condominio
La Cassazione, con sentenza n. 14096 del 2012, decide in materia di barriere architettoniche. Facendo installare, nel cortile del proprio condominio, un ascensore a distanza illegale rispetto alle vedute esercitate dall'unitÓ immobiliare degli attori e lesivo del decoro del fabbricato, la convenuta aveva contestato, davanti al Tribunale, che l'opera era conforme alla normativa di cui alla L. n. 13 del 1989, che deroga alle distanze legali, e, che comunque, era stata autorizzata dall'assemblea condominiale. Il tribunale, sentito il consulente tecnico, riteneva che l'installazione non fosse lesiva del decoro architettonico. Infatti, essendo collocato nel cortile, l'ascensore non impediva l'uso del fabbricato ai condomini, nŔ alterava la destinazione dello stesso. Successivamente, i condomini, rivoltisi alla Corte d'Appello, chiedevano la rimozione dell'opera e il ripristino dello status quo ante. La Corte ha accolto la domanda dei condomini, ritenendo che si dovessero applicare le norme delle distanze legali. Tali norme non potevano essere derogate, in quanto l'ascensore non poteva essere considerato impianto indispensabile per l'effettiva abitabilitÓ dell'appartamento. La Corte di Cassazione, con la sentenza di cui sopra, ha stabilito, invece, che l'ascensore rientra nel concetto d'impianto che deve essere considerato indispensabile per una reale abitabiltÓ di un appartamento. Infatti, la L. n. 13 del 1989 favorisce tale realizzazione.
Nello specifico, l'art. 2, prevede che le innovazioni alle barriere architettoniche sono deliberate con quorum inferiore, rispetto a quello previsto dall'art. 1136 c.c., quando si tratta di eliminare opere che possano arrecare impedimento ai portatori di handicap e ai ciechi. Un ascensore facilita l'accesso al condominio per queste categorie di persone.
LEGGI IL TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA 14096/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/08/2012 - L.S.)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa nÚ obbligo di iscrizione
» Avvocati: sanzionato chi tratta la causa senza il collega avversario
» Regime dei minimi: com'era e com'Ŕ
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Accordi prematrimoniali: in arrivo la legge
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa nÚ obbligo di iscrizioneAvvocati: niente contributi minimi alla Cassa nÚ obbligo di iscrizione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF