Sei in: Home » Articoli

Codacons: campi elettromagnetici pericolosi? Proibire Wi-Fi in luoghi frequentati da bambini e donne incinte

wifi id9202
Il Codacons ha espresso la sua preoccupazione in merito al recente studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, secondo il quale l'esposizione in utero a campi magnetici relativamente forti, come quelli prodotto da forni a microonde o da dispositivi Wi-Fi, aumenterebbe il rischio per i nascituri di diventare obesi. Secondo la ricerca, ci sarebbe una crescita del 50% dei bambini obeso in caso di mamme che hanno avuto un'esposizione media e dell'84% in caso di esposizione alta.

L'associazione ha dichiarato che questo studio dimostrerebbe nuovamente i risvolti negativi della presenza di campi elettromagnetici sull'uomo e in questo particolare caso anche sui nascituri.

Il Codacons ha quindi chiesto, in attesta di una risposta esauriente in merito da parte degli scienziati, di interrompere la corsa al Wi-Fi: sempre più comuni, infatti, starebbero coprendo il proprio territorio con la rete wireless al fine di fornire l'accesso gratuito ad Internet a cittadini e turisti.

“La connetività Wi-Fi sembra essere ormai diventata una gara politica in nome della modernità, peccato che nessuno sia ancora in grado di escludere possibili conseguenze negative sulla salute dell'uomo”, ha dichiarato il Codacons, aggiungendo che a motivo di ciò, l'installazione del Wi-Fi andrebbe proibita almeno nei luoghi frequentati da bambini e donne incinte, come asili, scuole, parchi pubblici, ospedali e biblioteche.

(02/08/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF