Sei in: Home » Articoli

Governo: recepita direttiva europea su etichettatura energetica

elettricita id10568
Il Governo ha ricordato che, secondo il decreto legislativo 28 giugno 2012, n. 104 (Gazzetta Ufficiale 20 luglio 2012, n. 168) l'obbligo di etichetta energetica è stato esteso a tutti i prodotti che hanno relazione con il consumo di energia o un impatto diretto o indiretto significativo sul consumo durante il loro uso, con il consumo di corrente elettrica come fonte tra le più importanti. Il fine è quello di aiutare i consumatori a scegliere prodotti che consumino meno, per mezzo di etichette e informazioni uniformi: gli apparecchi in questione sono frigoriferi e congelatori, lavatrici, lavastoviglie, televisori e condizionatori d'aria, che oltre alle tradizionali classi A, B, C e D, integreranno la nuova etichetta nonché le tre classi A+, A++ e A+++ di maggiore efficienza energetica.

I fornitori avranno l'obbligo di fornire etichetta e scheda di prodotto, i distributori di esporre le etichette in modo che siano visibili e leggibili, e di presentare la scheda del prodotto nell'opuscolo o in altra documentazione allegata al momento della vendita.

In caso di vendita, affitto o locazione finanziaria per corrispondenza, su catalogo, via internet, eccetera, i distributori hanno l'obbligo comunque di fornire ai clienti le informazioni necessarie; l'autorità di vigilanza autorizzata ad organizzare controlli per l'applicazione corretta del decreto è stata individuata nel Ministero dello Sviluppo Economico.
Vai al testo del legislativo 28 giugno 2012, n. 104
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/07/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF