Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: valida modifica tabelle millesimali con la sola maggioranza anche se delibera è anteriore al 2010

mediazione lite id0
di Barbara LG Sordi -
Che le assemblee condominiali non siano proprio il miglior modo per passare una serata, lo sa bene chi ha casa in un condominio. Sarebbe molto meglio demandare la socializzazione con i nostri dirimpettai ad occasioni più divertenti, che so una partita a carte o una pizza. Molto probabilmente del mio stesso avviso sono stati due condomini napoletani, B. G. e B.S., che ad un'assemblea hanno preferito fare altro. Il fatto però è che forse a quella precisa assemblea sarebbe stato molto meglio andarci, visto che lo scotto da pagare per non averlo fatto lo ricorderanno per il resto della vita.

I due infatti hanno mancato l'Assemblea, quella per eccellenza, quella in cui si approvano consuntivi e bilanci e previsioni di spese per l'anno a venire. Nella suddetta Assemblea tutto è (stranamente) filato liscio e si è approvato TUTTO all'unanimità, non garbando però i due signori. Che hanno voluto impugnare l'accaduto, contestando la regolarità delle ripartizioni millesimali, che a detta loro differivano dalle originali depositate dal costruttore e che erano state modificate, non all'unanimità in un'assemblea nel lontano 1967. Avevano così deciso di portare il Condominio davanti alla Corte d'appello di Napoli. Il giudice diede loro ragione e invalidò le decisioni prese dall'assemblea. Tutto ciò accadeva nel lontano 1999.

L'Amministratore non ha voluto mollare e ha portato i signori B. in Cassazione. E a ragione, visto che la VI Sezione Civile ha accolto il ricorso, con sentenza 10762/2012. La Corte ha convalidato la legittimità del cambio delle ripartizioni millesimali, avvenute nel 1967 avvenute con maggioranza e non all'unanimità, e che secondo la Corte sono regolari alla luce di quanto dispone l'art. 1136 comma 2 del Codice Civile (di cui il giudice non aveva tenuto conto).

Secondo la suprema Corte in sostanza l'approvazione come pure la revisione delle tabelle millesimali approvate a maggioranza è valida anche se la delibera è anteriore alla nota sentenza n. 18477/2010 delle sezioni unite civili secondo cui è sufficiente per la modifica delle tabelle millesimali la sola maggioranza qualificata.
Vai al testo dell'ordinanza 10762/2012
Email barbaralgsordi@gmail.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/07/2012 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF