Sei in: Home » Articoli

Moody's: complotto internazionale o ritratto realistico?

caccia mimlitare armi
di Barbara LG Sordi -
Ormai nominare Moody's crea non poche orticarie ai nostri governatori e industriali, visto che le stoccate sui rating ai nostri servizi continuano a produrre declassamenti in caduta libera.

Settimana scorsa le affermazioni di questa agenzia (per di più con base newyorkese) avevano fatto inalberare non pochi: da Pd a Pdl, da Confindustria a Cgil. Tutti, o quasi, inferociti per i declassamenti subiti dagli analisti americani, rei addirittura di complottare a danno della nostra, già terribilmente compromessa, economia. Squinzi lancia un allarme ben preciso, affermando che "ci stanno assegnando una posizione che non è la nostra, noi siamo molto più competitivi come Paese". E prosegue addirittura ipotizzando un vero e proprio complotto nei confronti della nostra economia, per poter speculare a livello internazionale.

In realtà qualche sostenitore del suo operato Moody's ce l'ha, nella fattispecie il neo-segretario della Lega Maroni difende i de-rating operati, perché altro non sono che una mera e oggettiva constatazione dell' "insufficienza e incapacità dell'azione del governo a risolvere i problemi”. Licenziando qualsiasi possibile dubbio con un "penso semplicemente che Moody's abbia registrato il fallimento dell'azione del Governo".

Nel mentre, complotto o non complotto, Moody's ha pensato bene di declassare ancora un po' il nostro Paese e la sua economia, proprio ora che lo spread ha quasi raggiunto la temibile quota di 500 punti e Monti pare un po' vacillare. Che siano avvisaglie del pre-default, che il Paese sia realmente al collasso? E che gli sforzi Imu e spending review siano solo goccioline nel deserto? Beh, su questo in molti ci si può anche trovare d'accordo, visto che i tagli, seppur non da poco, sono ancora lontani anni luce da quella che dovrebbe essere un'efficace revisione ed epurazione dei conti (salatissimi) statali. Anche se, continuiamo a ripeterlo (e ripetercelo) che se non altro qualcosa si sta pur facendo, dopo anni di lobotomizzazione e pressappochismo totale.

Moody's però non è una società così limpida nei suoi giudizi e men che meno infallibile, se si pensa che il suo rating di Parmalat ha mandato in bancarotta ben più di una sola famiglia si deve a loro; così come quello della Lehman Brothers per cui gli Usa ancora piangono. Danilo Barbi, segretario confederale della Cgil, commentando la decisione di Moody's di portare a Baa2 il rating italiano, ha affermato che "è ridicolo proprio perché uno dei soggetti che hanno prodotto la crisi ora pretende di mettersi in cattedra per dare lezione a chi la crisi l'ha subita”.

Su questo Draghi, Visco & Co. potrebbero forse appellarsi per screditare i suoi giudizi e evitare i danni per il mancato accesso ai fondi messi a disposizione dal fondo comunitario, per i paesi in crisi. Negati nel caso di avvisaglie di possibile default dell'economia.
Email barbaralgsordi@gmail.it
(19/07/2012 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Cane fa pipì in strada, multa da 157 euroCane fa pipì in strada, multa da 157 euro
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF