Sei in: Home » Articoli

Cassazione: maltrattamenti in famiglia per gelosia? Non si si applica l'aggravante dei futili motivi

violenza donne lite coniugi separazione maltrattamenti
"La configurabilità della circostanza aggravante dei futili motivi di cui all'art. 61, n. 1, c.p. ricorre quando la determinazione criminosa sia stata causata da uno stimolo esterno così lieve, banale e sproporzionato rispetto alla gravità del reato, da apparire, secondo il comune modo di sentire, assolutamente insufficiente a provocare l'azione criminosa, tanto da potersi considerare, più che una causa determinante dell'evento, un mero pretesto per lo sfogo di un impulso criminale. ". Ribadendo tale principio di diritto, consolidato nella giurisprudenza di legittimità, la Corte di Cassazione, con sentenza n. 28111/2012, ha accolto il ricorso di un cittadino straniero, annullando la sentenza che lo condannava a 2 anni e sei mesi dopo la derubricazione del tentato omicidio in maltrattamenti in famiglia. La Suprema Corte, precisando che è sempre necessario che il giudizio sulla futilità del motivo non sia riferito ad un comportamento medio ma sia ricondotto agli elementi concreti del caso, tenendo conto delle connotazioni culturali del soggetto giudicato, del contesto sociale e del particolare momento in cui il fatto si è verificato, nonché dei fattori ambientali che possono avere condizionato la condaotta criminosa, afferma che la Corte d'Appello non si è attenuta a tale rigoroso quadro di prinicipii.
Infatti la Corte territoriale ha, da un lato, correttamente escluso che il motivo della gelosia possa integrare la contestata aggravante, dall'altro lato, ha affermato che i futili motivi "sfumano in una confusa reattività" imputandola, contraddittoriamente, alla stessa gelosia, omettendo così di identificare in concreto la natura e la portata della ragione giustificatrice della condotta delittuosa posta in essere, quale univoco indice di un istinto criminale più spiccato e di un più elevato grado di pericolosità dell'agente. La sussistenza dell'aggravante - concludono i giudici di legittimità - così come configurata deve essere esclusa.
(19/07/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitore
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF