Sei in: Home » Articoli

Cassazione: in via di risoluzione il contrasto giurisprudenziale sul diritto di ripensamento nei contratti di intermediazione finanziaria

cassazione sentenza
E' in via di risoluzione il contrasto giurisprudenziale che si protrae da anni in relazione ai limiti della garanzia del diritto di ripensamento da offrire all'investitore nell'ambito dei contratti di intermediazione finanziaria stipulati fuori dalla sede dell'intermediario. La prima sezione civile della suprema corte (con ordinanza interlocutoria n. 10376/2012) ha infatti deciso di rimettere la questione al primo presidente per l'assegnazione alle sezioni unite civili che dovranno dirimere il contrasto interpretativo. La Corte fa notare come un indirizzo giurisprudenziale stia seguendo un'interpretazione estensiva secondo cui il diritto di ripensamento dell'investitore va considerato uno strumento di tutela tipica del consumatore. Un altro indirizzo giurisprudenziale ritiene invece, sulla base di un'interpretazione restrittiva, che queste garanzie non si possono applicare a contratti che richiedono una valutazione ponderata da parte del risparmiatore, potendosi eventualmente configurare in tali ipotesi condotte abusive da parte degli investitori. Nella fattispecie esaminata dai giudici di piazza Cavour, la sentenza impugnata aveva dichiarato la nullitÓ di un contratto di acquisto di obbligazioni concluso a un investitore in un istituto di credito attraverso un promotore finanziario. La nullitÓ del contratto era stata fondata sul rilievo che il contratto, stipulato fuori sede, non prevedeva il diritto di recesso in favore dell'investitore nel termine di sette giorni come previsto dal d.lgs 58/1998. Secondo l'istituto di credito la sentenza di merito andrebbe censurata sulla base di una corretta interpretazione dell'articolo 30 del d.lgs. 58 sopracitato.
Sulla base di un'interpretazione letterale e sistematica della norma, occorrebbe infatti porre l'attenzione sulla portata dei termini "collocamento" e "collocamento di strumenti finanziari" contenuti nel primo e nel sesto comma dell'articolo 30. Secondo l'istituto di credito dalla nozione di contratti di collocamento di strumenti finanziari andrebbero escluse le negoziazioni individuali e quindi anche l'acquisto di obbligazioni, in quanto non caratterizzato dalla fissazione per un tempo predeterminato del loro prezzo ma soggetto alle fluttuazioni del mercato.
Vai al testo della sentenza 10376/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/07/2012 - N.R.)
Le pi¨ lette:
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF