Sei in: Home » Articoli

Governo: online un opuscolo sulla sicurezza sul lavoro

incidente infortunio
Il dipartimento dei Vigili del Fuoco e il dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione – Fondo Europeo per gli Immigrati (Fei), hanno dato vita al progetto ‘Sicurezza al... lavoro”: l'obiettivo è quello non solo di affrontare l'importante tema della sicurezza nei luoghi di lavoro, ma anche quello di diffondere anche tra la comunità straniera le regole basilari di prevenzione.

È infatti appurato che nel solo 2010 si sono verificati 775 mila infortuni sul posto di lavoro, e tra questi 980 sono risultati mortali, mentre il 16,4% del totale ha visto coinvolti cittadini extracomunitari: agricoltura, edilizia e servizi sono i settori nei quali si registra il numero più ampio di incidenti sul lavoro.

Obiettivo dei due dipartimenti, con la collaborazione dei comandi provinciali dei Vigili del Fuoco, dei Centri territoriali immigrati e degli Sportelli Unici delle prefetture, è quindi quello di diffondere un opuscolo informativo tradotto in 6 lingue, albanese, cinese, francese, inglese, spagnolo e ucraino, a beneficio della folta comunità straniera che lavora sul territorio nazionale.

Di seguito l'indice dei contenuti dell'opuscolo di 35 pagine, disponibile anche in formato PDF sul sito del Governo (http://www.governo.it/backoffice/allegati/68591-7814.pdf): edilizia, agricoltura, lavori domestici, rischio chimico, dispositivi di protezione individuale e segnaletica di sicurezza, infortunio e malattie professionale: cosa fare.

Il piccolo opuscolo è corredato di molte illustrazioni in stile cartoon ed è impaginato in modo da essere stampato in formato A5.

Scarica il PDF dell'opuscolo
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/07/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF