Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si può mandare a quel paese il capo. Ma solo una volta!

litigano vaffanculo
Un "vaffa" rivolto al capufficio non basta per giustificare il licenziamento. Parola di Cassazione. Secondo gli ermellini, infatti, se l'offesa al superiore resta circoscritta nell'ambito di un solo episodio, non va a compromettere il rapporto fiduciario con l'azienda. Per questo, la suprema Corte (sentenza 10426/2012) ha respinto il ricorso di un'azienda che si era opposta alla reintegra di un dipendente che aveva mandato a quel paese una superiore gerarchica. Il caso era finito nelle aule di giustizia principalmente per il fatto che l'offerta era stata rivolta ad un superiore donna. Dopo il "vaffa" il lavoratore era stato licenziato ma il tribunale di Chieti aveva annullato il licenziamento facendo rilevare appunto che l'offesa era stata episodica.

La decisione veniva confermata anche dalla Corte d'Appello. Ricorrendo in Cassazione l'azienda aveva sostenuto la legittimità del licenziamento data la condotta del dipendente che doveva considerarsi "gravemente ingiuriosa e intimidatoria al superiore gerarchico donna deriso e apostrofato".

Respingendo il ricorso la Suprema Corte ha confermato il doppio verdetto evidenziando che la motivazione dei giudici di merito "appare congrua e logicamente coerente e supportata da precisi ed univoci riferimenti alle risultanze processuali che hanno consentito di ridimensionare la gravita' dei fatti e di circoscrivere l'episodio che, sia pure censurabile, non dimostra la volonta'" del dipendente "di sottrarsi alla disciplina aziendale e di insubordinarsi, essendo rimasto nei limiti di una intemperanza verbale". Insomma un comportamento che va si censurato, ma che non può essere sanzionato con un licenziamento.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/06/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF