Sei in: Home » Articoli

Ddl Gasparri, il via libera della Camera

Roma, 2 ott. (Adnkronos) - Via libera della Camera al disegno di legge Gasparri sulla riforma del sistema radiotelevisivo. L'aula di Montecitorio ha approvato il provvedimento con 318 si' e 261 no. Il ddl dovra', pero', tornare all'esame del Senato a seguito dell'approvazione di due emendamenti presentati dall'opposizione. Questa mattina per la seconda volta, infatti, il governo e' stato battuto durante l'esame alla Camera del disegno di legge. Con 288 si' e 287 no e' stato approvato dall'aula di Monteciotorio un emendamendo dell'opposizione all'articolo 24. Sono 36, stando ai tabulati di voto d'aula, i deputati della maggioranza che hanno votato con le opposizioni a favore dell'emendamento. Alla votazione erano presenti 575 deputati: 323 della Cdl (167 di Fi, 89 di An, 34 dell'Udc, 27 della Lega, 6 del gruppo Misto) e 252 delle opposizioni. La seconda sconfitta di maggioranza e governo sul ddl Gasparri e' avvenuta per un solo voto su un emendamento del centrosinistra che modifica la disciplina di avvio del digitale per le trasmissioni radiofoniche. Dai banchi della maggioranza sono arrivate le proteste per l'esito della votazione. A chi faceva notare al presidente della Camera di essersi sbagliato, Casini ha risposto: ''E' accaduto anche ieri, sono cose che possono succedere. Non posso certo cambiare l'esito di una votazione: sarebbe la prima volta nella vita parlamentare della Repubblica''. Dai banchi dell'opposizione i parlamentari del centrosinistra hanno accolto l'esito del voto alzandosi in piedi e scandendo la parola 'liberta', liberta''. Era iniziato ieri mattina l'esame del ddl Gasparri sul riordino del sistema radiotelevisivo. Ventotto gli articoli che compongono il disegno di legge, oltre 400 gli emendamenti presentati. Proprio ieri, verso l'ora di pranzo, si era registrata la prima sconfitta della maggioranza.
In particolare l'esecutivo era andato sotto su un emendamento all'articolo 10 (a scrutinio segreto) riguardante il divieto di utilizzo dei minori di 14 anni in spot e televendite. Presentato da Rifondazione comunista, l'emendamento era stato approvato con 284 si' e 278 no. In seguito a questa modifica rispetto al testo licenziato dal Senato, il provvedimento dovra' tornare all'esame di Palazzo Madama.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/10/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF