Sei in: Home » Articoli

Attentato di Brindisi: fermato un 68enne. Si ipotizza una vendetta privata

attentato brindisi
Un benzinaio di Copertino (Lecce) è stato sottoposto ad accertamenti nell'ambito dell'indagine sull'attentato avvenuto a Brindisi il 19 maggio scorso davanti alla scuola Morvillo-Falcone dove ha perso la vita Melissa Bassi e dove sono rimaste gravemente ferite altre cinque ragazze. A quanto pare l'uomo di 68 anni avrebbe agito per vendetta personale. Gli inquirenti avevano escluso che si potesse trattare di un atto riconducibile alla criminalità organizzata. Lo dimostravano da subito le modalità con cui è stato attuato l'attentato e il fatto stesso che l'uomo ha agito senza neppure accertarsi della presenza di telecamere. Ora sembrerebbe delinearsi l'ipotesi che alla base del gesto ci sia solo una motivazione personale. Dopo l'interrogatorio sembra che l'imprenditore abbia anche confessato. Chi conduce le indagini in ogni caso sta verificando la reale corrispondenza delle immagini riprese dalle telecamere con quelle del sospetto ma sono state proprio quelle immagini a orientare i sospetti sul benzinaio dato che la sua automobile sarebbe stata ripresa più volte prima dell'attentato. Indiscrezioni parlano di una vendetta dovuta al fatto che il 68enne in passato avrebbe subito una truffa e il suo gesto sarebbe maturato come una sorta di vendetta contro la giustizia. Secondo questa ipotesi l'uomo avrebbe voluto colpire il Tribunale che però si trova a 200 metri di distanza dall'istituto.
Qui di seguito un video di SkyTg24:

(06/06/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF