Sei in: Home » Articoli

INPS: nuove funzionalità del servizio online di richiesta Visite Mediche di Controllo per i datori di lavoro

computer controllo tastiera mail
L'INPS, con messaggio n. 9399 del 1° giugno 2012, rende noto che il servizio presente sul portale dell'Istituto per l'invio, da parte dei datori di lavoro, delle richieste delle visite mediche di controllo domiciliare e/o ambulatoriale, esclusivamente on line dal 1° ottobre 2011 come stabilito con circolare n. 118 del 12.09.2011, è stato arricchito di nuove funzionalità. Nello specifico l'applicazione presente sul portale WEB dell'Istituto "Richiesta Visita Medica di Controllo" è stata integrata con la funzione "Invio Richieste Multiple" che consente al datore di lavoro di inviare con un'unica operazione più richieste di visite mediche di controllo (max 50), alle varie Strutture territoriali INPS competenti per territorio. Tale funzione, utilizzata in alternativa a quella tradizionale di "Richiesta Visita", che consente di inserire una richiesta alla volta, consente il caricamento per via telematica (upload) di un file in formato XML (Extensible Markup Language), contenente le richieste di visita medica di controllo predisposte dal datore di lavoro.
Il file XML è sottoposto ai controlli formali e sostanziali prima del suo inoltro ai sistemi gestionali per l'assegnazione delle visite. Altra nuova funzione è “Verifica Invio Richieste Multiple" attraverso la quale è possibile consultare il risultato dei controlli e conoscere, per ogni singola richiesta, la correttezza della stessa o l'eventuale errore riscontrato. L'Istituto precisa che le nuove funzioni sono utilizzabili dai datori di lavoro abilitati all'attuale servizio per la richiesta di visite mediche di controllo e le istruzioni di dettaglio per l'utilizzo delle stesse sono disponibili nel manuale utente pubblicato all'interno dell'applicazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/06/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF