Sei in: Home » Articoli

INOPERATIVITA' della POLIZZA - Non è eccezione in senso proprio ma mera difesa

cassazione
INOPERATIVITA' DELLA POLIZZA - NON E' ECCEZIONE IN SENSO PROPRIO, MA MERA DIFESA - Il regime di preclusione delle eccezioni impone al convenuto tempi contingentati. Infatti, con la comparsa di costituzione e di risposta, depositata venti giorni prima dell'udienza indicata nell'atto di citazione o differita d'imperio ex art. 168-bis, c. 5, c.p.c., il convenuto ha l'onere di: a) proporre eventuali domanda riconvenzionali; b) chiamare terzi in causa instando per lo spostamento della prima udienza; c) formulare eccezione di incompetenza per materia, valore o territorio derogabile ed inderogabile; d) sollevare eccezioni processuali e di merito non rilevabili d'ufficio. Nel novero delle eccezioni di merito in senso lato vengono catalogate impropriamente le cosiddette eccezioni con cui l'assicuratore contesta l'inoperatività della polizza. In realtà, tale pseudo-eccezione è una semplice difesa, una mera argomentazione difensiva, come tale perfettamente tempestiva anche se svincolata dal rispetto dell'anticipata costituzione in giudizio. Il principio è affermato con lapidaria chiarezza dalla Corte di Cassazione, Sezione Terza, 22 febbraio 2000, n. 1967, considerata un'autentica stella polare in materia. In proposito, la pronuncia così testualmente si esprime: "Giova comunque osservare che la cd. eccezione di inoperatività della polizza assicurativa non costituisce un'eccezione in senso proprio ma una semplice difesa, una mera argomentazione giuridica, formulata in base a un'interpretazione dì parte volta a contestare il fondamento della domanda con l'assumere l'estraneità dell'evento ai rischi contemplati nel contratto; e come tale non potrebbe costituire oggetto di abbandono o rinuncia tacita nemmeno se non fosse espressamente riproposta nelle conclusioni definitive specificamente riformulate.
Correttamente perciò la Corte ha escluso ogni rinuncia e affermato, seppure per implicito, la permanenza del potere dovere del giudice di pronunciarsi anche sull'operatività della polizza".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/05/2012 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF