Sei in: Home » Articoli

Cassazione: decide giudice ordinario su risarcimento danni all'amministrazione per carenze progettuali

lavoro appalti costruzioni edili lavoratore
Le Sezioni Unite Civili, con sentenza n. 6335/2012, hanno stabilito che, ai fini del riparto della giurisdizione tra giudice ordinario e Corte dei conti, nelle controversie risarcitorie proposte dall'amministrazione appaltante contro il professionista che abbia svolto l'incarico di progettista e di direttore dei lavori per l'esecuzione di un'opera pubblica, sussiste la giurisdizione del giudice ordinario quando, nella prospettazione della domanda, la parte ne abbia dedotto la responsabilità non nella qualità di direttore dei lavori, ma in quella di progettista per gli errori e le carenze progettuali allo stesso imputabili. Questo quanto affermato dal massimo consesso di Piazza Cavour, in poco più di una pagina di motivazioni, in relazione ad una controversia per danni da fermo cantiere. In particolare, un Comune aveva conferito l'incarico ad architetto per la realizzazione di un progetto preliminare, definitivo ed esecutivo per la realizzazione di un impianto sportivo e la direzione dei lavori per le attività di coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione dell'opera.
Dopo l'approvazione del progetto esecutivo, vi era stata l'aggiudicazione dei lavori. Nel corso dell'esecuzione il direttore dei lavori aveva disposto per quattro volte la sospensione dei lavori per ragioni tecniche. Il comune committente, giudicando insufficienti le spiegazioni offerte dall'incaricata della progettazione e della direzione dei lavori, e ritenendola responsabile dei problemi insorti, dopo aver formalizzato i suoi addebiti in un esposto presentato alla Corte di Conti, aveva instaurato un giudizio di responsabilità per danni davanti al Tribunale, per la condotta negligente, imprudente e imperita nell'espletamento dell'incarico di progettista. Costituendosi, il professionista eccepiva, preliminarmente il difetto di giurisdizione del giudice ordinario in favore del giudice contabile. Pertanto, il Comune proponeva regolamento preventivo di giurisdizione. Investiti della questione, gli Ermellini, non discostandosi dalla giurisprudenza precedente (Cass. 3165/2011), hanno ribadito la giurisdizione del giudice ordinario.
Consulta testo sentenza n. 6335/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/05/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF