Sei in: Home » Articoli

UNC: crisi economica dipende in buona misura da gravi ritardi tecnologici

computer controllo tastiera mail
L'avvocato Massimiliano Dona, Segretario Generale dell'Unione Nazionale Consumatori, ha dichiarato in occasione dell'avvio dei lavori del Forum PA in programma alla nuova Fiera di Roma che le difficoltà che sta vivendo l'economia italiana dipenderebbero in buona parte da alcuni gravi ritardi tecnologici.

Dona ha infatti commentato che prendendo in esame i dati in merito allo sviluppo dell'economia digitale dell'Unione Europea negli ultimi 12 mesi, l'Italia sarebbe agli ultimi posti in relazione agli acquisti effettuati online e alla percentuale di persone che interagiscono attraverso Internet con la Pubblica Amministrazione.

“Tale situazione rende il nostro Paese arretrato dal punto di vista tecnologico ed incapace di affrontare adeguatamente le importanti sfide indicate nell'agenda digitale europea, prime tra tutte la realizzazione del mercato digitale unico e la promozione dell'accesso a internet veloce per tutti i cittadini entro il 2020”, ha proseguito il Segretario Generale dell'Unione Nazionale Consumatori.

Massimiliano Dona ha inoltre affermato di aver visto positivamente la decisione del Governo di inserire tra le priorità la diffusione della banda larga sul territorio e di ridurre il divario tecnologico con gli altri Paesi dell'Unione Europea, ma ha aggiunto che sarebbe necessaria una “strategia ancora più articolata”, a motivo del ritardo che l'Italia avrebbe accumulato in questo settore.

Secondo Dona già nei prossimi mesi dovrebbe essere realizzate azioni rapide e concrete nelle quali i protagonisti siano i consumatori stessi che dovrebbero poter essere “educati” attraverso campagne che esplichino opportunità e rischi derivanti dal mondo online.

(17/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF