Sei in: Home » Articoli

Codacons e Comitas: imprese invitate a non pagare le tasse nella misura dei crediti che vantano con la P.A.

tasse commercialista
Il Codacons e il Comitas, associazione delle piccole e micro imprese, hanno affermato che la compensazione tra crediti e debiti fiscali deve essere automatica, evitando lunghi passaggi burocratici, e non dovrebbe sussistere l'onere della certificazione a carico delle imprese.

“Il processo di compensazione deve essere più snello e veloce, al fine di sostenere le imprese in difficoltà”, hanno dichiarato le due associazioni commentando il decreto sui crediti della pubblica amministrazione annunciato da Vittorio Grilli, vice-ministro all'Economia; secondo il Codacons e il Comitas, Grilli dovrebbe dare indicazioni precise al fisco, così che la compensazione tra crediti e debiti possa essere inserita nella denuncia dei redditi di giugno, fornendo anche l'opportunità di allegare nella dichiarazione stessa le richieste di pagamento ancora inevase.

Le associazioni hanno inoltre invitato piccole e medie imprese a inserire nella prossima denuncia dei redditi l'art. 1214 del Codice Civile (“Estinzione per compensazione: Quando due persone sono obbligate l'una verso l'altra, i due debiti si estinguono per le quantità corrispondenti”), al fine di non pagare le tasse nella misura dei crediti che vantano con la P.A.

Secondo le due associazioni, inoltre, il Governo sarebbe complice dei suicidi che si stanno registrando nel nostro paese, ed hanno per questa ragione depositato un esposto alla Repubblica di Roma in modo da aprire un indagine nei confronti del Ministero dell'Ecnomia per il reato di istigazione al suicidio e di appropriazione indebita, considerando che lo Stato vanta crediti verso le imprese per una somma vicina ai 100 miliardi di euro.

Attraverso il blog di Carlo Rienzi (www.carlorienzi.it), inoltre, chi vanta crediti nei confronti della pubblica amministrazione può fare richiesta di costituirsi parte civile nei confronti dell'esecutivo, così da ottenere ciò che gli spetta comprensivo di interessi.

(20/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF