Sei in: Home » Articoli

Governo: forniti dati statistici su mediazione obbligatoria

governo id0
Il Governo ha comunicato che dal 28 marzo 2011 è entrato in vigore l'obbligo per il tentativo di mediazione fra le parti per molte controversie in materia civile, in armonia con il Decreto Legislativo n.28/2010: il fine è quello di scoraggiare il ricorso in tribunale, e mano a mano ridurre l'arretrato che grava sul sistema giustizia.

Si tratta, in particolar modo, di diritti reali, come distanze nelle costruzioni, usufrutto e servitù di passaggio, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento danni da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari.

Per quanto riguarda le controverse in materia di condominio e risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, l'obbligatorietà è stata invece differita al 20 marzo 2012, così che il meccanismo possa avere un avvio graduale.

Nello stesso comunicato, il Governo ha ricordato che il Ministero della Giustizia ha fornito i dati statistici, scaricabili in allegato, sulle mediazioni con proiezione nazionale, analisi delle iscrizioni per materia, valore e area geografica, durata delle procedure, il tutto aggiornato a fine marzo 2012.
Vedi allegato
(15/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo