Sei in: Home » Articoli

Locazioni: Cassazione, morosità non è sanata se non si pagano tutti i canoni con interessi e spese fino alla scadenza del termine di grazia

casa condominio
Con sentenza n. 5540/2012, la Corte di Cassazione, in materia di locazioni ha stabilito che il conduttore, per evitare lo sfratto, deve pagare tutte le morosità fino al termine concesso per la sanatoria. In particolare, la terza sezione civile del Palazzaccio ha spiegato che laddove il conduttore che, convenuto in un giudizio di sfratto per morosità, abbia richiesto la concessione del “termine di grazia”, manifestando così, implicitamente, per ciò solo una volontà incompatibile con quella di opporsi alla convalida, (sicché al mancato adempimento nel termine fissato dal giudice consegue “ipso facto” l'emissione da parte di questi dell'ordinanza di convalida ex art. 663 Cpc, senza che possano assumere rilievo eventuali eccezioni o contestazioni circa la sussistenza e/o l'entità del credito vantato dal locatore, sollevate dopo la predetta richiesta di termine per sanare la morosità), a norma dell'art. 55 della legge 27 luglio 1978, n. 392, il comportamento del conduttore sanante la morosità deve consistere nell'estinzione di tutto quanto dovuto per canoni, oneri accessori, interessi e spese fino alla scadenza del termine di grazia, senza che l'inadempimento residuo sia suscettibile di nuova verifica sotto il profilo della gravità. La sentenza degli Ermellini nasce dal ricorso del proprietario di un immobile, sito in Roma, concesso in locazione per uso abitativo, che conveniva in giudizio il conduttore, intimandogli lo sfratto per morosità con contestuale richiesta di convalida.
Dopo i due gradi di giudizio, gli Ermellini hanno rigettato il ricorso del conduttore, confermando quanto stabilito dalla Corte di Appello. Il conduttore aveva sostenuto, in appello, che l'ordinanza di concessione del termine per la sanatoria non comprendeva il pagamento delle mensilità di dicembre e gennaio, sicché egli avrebbe dovuto ottenere la sanatoria pagando quanto richiesto dal conduttore solo per i mesi oggetto dell' intimazione e non anche per le somme richieste per i canoni scaduti successivamente all'ordinanza del 10 novembre 2007. La Corte di Appello, con sentenza confermata in Cassazione, aveva invece spiegato che la sanatoria ex art. 55 della l. n. 392/78 non si era realizzata, non avendo il conduttore versato anche i canoni maturati successivamente all'intimazione, sino alla scadenza del concesso termine c.d. di grazia.
Consulta testo sentenza n. 5540/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/05/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF