Sei in: Home » Articoli

Contrattazione collettiva aziendale, produttività sul lavoro e retribuzione incentivante. Una monografia di Anna Chiara Olini

imprese impiegati pmi accordo lavoro
L'accordo interconfederale del 28 Giugno 2011 ha confermato la crescente importanza della contrattazione aziendale; questa tendenza è associata ad una maggiore attenzione delle parti sociali verso i sistemi retributivi incentivanti. La bassa crescita della produttività, però, è da anni un problema grave dell'economia italiana. La recessione l'ha ulteriormente aggravato. Molti ritengono che la contrattazione abbia un ruolo importante per favorire la crescita, mettendo in un circolo virtuoso incrementi della produttività, miglioramento salariale, rafforzamento della competitività. Pure se l'inverno della crisi è tutt'altro che passato e la contrattazione aziendale non può non risentirne, qualche rondine è tornata. Con esiti retributivi potenziali non trascurabili. Questo studio ha esaminato alcuni accordi aziendali firmati tra Febbraio e Ottobre del 2011, riguardanti cinque imprese: Indesit Company Spa, Ferrero Spa, Lactalis Italia Spa, Davide Campari Milano Spa, Chemisol Italia Srl. Tali accordi sono stati analizzati alla luce della letteratura giuridica ed economica per evidenziare conformità e divergenze rispetto a quella.
Vai alla monografia:
Contrattazione collettiva aziendale, produttività sul lavoro e retribuzione incentivante
Anno di pubblicazione: 2012
Informazioni sull'autore:
Anna Chiara OLINI
Laureata in economia politica presso l'università di Roma La Sapienza. Per la tesi ha svolto un lavoro di ricerca sulla Retribuzione ad incentivo e la produttività nella contrattazione aziendale. Sono stati analizzati, alla luce della letteratura giuridica ed economica, alcuni accordi a livello di impresa, siglati nel 2011.
Versione sfogliabile online:


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/05/2012 - Anna Chiara Olini)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF