Sei in: Home » Articoli

Ministero dell'Interno: disposizioni in materia di contrasto all'immigrazione clandestina

Il Ministero dell?Interno è intervenuto per sancire alcune disposizioni urgenti in materia di lotta alla immigrazione. Tra le principali novità, un rafforzamento deciso del ruolo della Marina Militare. L'attivita' di prevenzione e contrasto del traffico di migranti via mare si sviluppa attraverso tre fasi: tramite attivita' di carattere prevalentemente diplomatico, tramite il dispositivo aeronavale della Marina militare e delle altre forze impegnate, tramite le unita' ed i mezzi navali in servizio di polizia. Nell'assolvimento del compito assegnato l'azione di contrasto e' sempre improntata alla salvaguardia della vita umana ed al rispetto della dignita' della persona.
Inoltre, la Direzione centrale si avvale della rete informativa nazionale che collega i vari dicasteri/enti e comandi interessati con l'obiettivo di conseguire la massima integrazione e tempestivita' nella diffusione delle pertinenti informazioni (Ministero dell'Interno, Decreto 14 luglio 2003 - Disposizioni in materia di contrasto all'immigrazione clandestina - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 22 settembre 2003, n.220 - Suppl. Ord.).
Leggi il testo del provvedimento su www.filodiritto.com
(24/09/2003 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Bulli online: ammoniti dal questore
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF