Sei in: Home » Articoli

Codacons, chiede chiarimenti al Ministro Balduzzi in merito ai tagli nella sanità

ospedale corsia ricovero
Il Codacons ha chiesto, attraverso un comunicato stampa divulgato sul sito Web dell'associazione, delucidazioni al Ministro della Salute Renato Balduzzi in merito al taglio netto dei costi concordato dal Ministero della Salute. “Abbiamo appreso che il dicastero ha adottato un regime di austerità interna che porterà ad una riduzione dei costi stimata in 10 milioni di euro”, ha dichiarato il Presidente di Codacons, Carlo Rienzi: ciò che non convince il responsabile dell'associazione sarebbe la decisione di tagliare anche i fondi destinati alle note “Giornate nazionali”, istituite dalla presidenza del Consiglio nel corso degli anni, le quali comprendevano le giornate dedicate al tema dell'Aids, ai trapianti, ai problemi legati all'alcool, e altre ancora. “La scelta di eliminare queste giornate appare a nostro avviso sbagliata”, ha proseguito Carlo Rienzi nel comunicato: secondo il Presidente di Codacons si tratta infatti di campagne che svolgerebbero un'opera di prevenzione con effetti positivi a lungo termine nel campo dei costi sanitari, oltre a fornire una corretta informazione ai cittadini in merito a diverse tematiche. Il Codacons ha quindi concluso il comunicato stampa chiedendo al Ministro della Salute Renato Balduzzi in persona di fornire delucidazioni in merito al regime adottato, e una smentita della notizia riguardante il potenziale arrivo di un nuovo Direttore Generale al Ministero, che secondo quanto giunto alle orecchie dell'associazione, comporterebbe un costo di 214.000 euro.
(01/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF