Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: condomino può rinunciare all'uso del riscaldamento centralizzato senza autorizzazione

casa condominio
In tema di condominio, con sentenza n. 5331, depositata il 2 aprile 2012, la sesta sezione della Corte di Cassazione ha stabilito che il condomino può legittimamente rinunciare all'uso del riscaldamento centralizzato e distaccare le diramazioni della sua unità immobiliare dall'impianto termico comune, senza necessità di autorizzazione o approvazione degli altri condomini. La Corte ha precisato che rimane in capo al condomino che prenda tale decisione il suo obbligo di pagamento delle spese per la conservazione dell'impianto. Quest'ultimo è inoltre tenuto a partecipare alle spese di gestione se, e nei limiti in cui il suo distacco non si risolve in una diminuzione degli oneri del servizio di cui continuano a godere gli altri condomini.
Nel caso di specie la sesta sezione del Palazzaccio ha così dichiarato nulla la delibera assembleare che aveva respinto l'autorizzazione al distacco del condomino per violazione del diritto individuale del condomino sulla cosa comune. In precedenza la corte di appello respinto la domanda del condomino fondando la decisione con il richiamo alle risultanze di una consulenza tecnica d'ufficio. Secondo la cassazione si tratta di una motivazione errate contraddittoria. Nella specie la consulenza tecnica aveva escluso che il discarico potesse avere conseguenze negative sulla funzionalità dell'impianto o potesse provocare un aumento delle spese di gestione. Il c.t.u. aggiungeva però che venendo meno il contributo della parte attrice alle spese di gestione di fatto il distacco avrebbe aumentato le spese a carico degli altri condomini. Un ragionamento che secondo gli Ermellini contrasta con l'orientamento della Corte Secondo cui,. Non c'è bisogno di autorizzazione o approvazione degli altri condoni fermo il suo obbligo al pagamento delle spese per la conservazione dell'impianto.
Consulta testo sentenza n. 5331/2012
(29/04/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF