Sei in: Home » Articoli

INPS: indennità c.d."una tantum" co.co.pro. per l'anno 2012

inps image id9293.png
L'INPS, con messaggio n. 6762 del 19 aprile 2012, fornisce chiarimenti, rispondendo ad alcuni quesiti, in merito alla proroga per l'anno 2012, della misura di sostegno al reddito prevista a favore dei collaboratori coordinati e continuativi a progetto. L'Istituto ricorda che l'articolo 6, comma 1, lettera c), decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14, ha disposto - anche per l'anno 2012 e "nel limite di spesa per il 2012 pari ad euro 13 milioni" - la prosecuzione dell'intervento a sostegno del reddito a favore dei collaboratori coordinati e continuativi a progetto, istituito dall'articolo 19, comma 2, decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 e, successivamente, sostituito dall'art.2, comma 130 della legge n. 191/2009. Poiché - si legge nel messaggio - la norma non ha innovato in materia di requisiti, si riconfermano, anche per l'anno 2012, tutte le condizioni che devono essere soddisfatte all'atto di presentazione della domanda.
Nello specifico le condizioni sono: monocommittenza, con riferimento all'ultimo rapporto di lavoro; dato reddituale riferito all'anno precedente; accredito contributivo di almeno una mensilità nell'anno di riferimento e di almeno tre mensilità nell'anno precedente; assenza di contratto di lavoro da almeno due mesi (condizione che deve, comunque, persistere al momento della presentazione della domanda di prestazione). Il modello di domanda, anche per il 2012 è quello già in uso per gli anni precedenti.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/04/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF