Sei in: Home » Articoli

Giustizia: Severino un risparmio da 80milioni di euro da riduzione tribunali e giudici di pace

severino governo
Il ministro della giustizia, Paola Severino, in un'intervista a "Repubblica" spiega che tra i suoi interventi ci sarà anche un risparmio dovuto alla riduzione dei tribunali e dei giudici di pace. E si risparmierà anche sulle intercettazioni e sul sistema carcerario. "Abbiamo chiesto all'Avvocatura - spiega la Severino - un parere su una gara unica nazionale per la gestione del servizio di ascolti telematici e ambientali. Ci aspettiamo di risparmiare tra i 200 e i 250 milioni di euro l'anno". Nessun taglio invece, assicura il ministro, per quanto riguarda i magistrati.

In relazione al sistema carcerario si prevede una svolta sui controlli. Il ministro fa notare che su un totale di 66.000 detenuti solo 28.000 possono essere considerati pericolosi ed è necessario che controlli si concentrino su di loro.

Quanto alla riduzione degli uffici giudiziari, secondo il guardasigilli "razionalizzando, guadagneremo piu' di 80 milioni di euro l'anno dai tribunali e circa 28 per i giudici di pace. Poi 950 magistrati e 5.900 amministrativi recuperati nei primi, rispettivamente 1944 e 2014 nei secondi. Risorse per rendere piu' efficienti gli altri uffici. Un'operazione storica che vogliamo chiudere per settembre, nonostante molte resistenze localistiche, ma il supporto convinto di giudici e Csm".

Resta il problema dei 325 vincitori dell'ultimo concorso in magistratura. La Severino ha dichiarato che sta dandosi da fare per cercare di trovare le disponibilità economiche per la loro assunzione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/04/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF